La Lazio al ‘Castellani’, il fortino toscano: Tare sa come vincere

NUMERI E CURIOSITA’ – Sabato sera allo Stadio Carlo Castellani si sfideranno Empoli e Lazio. Per i ragazzi di Inzaghi il match sarebbe l’occasione giusta per riacquistare morale dopo il brutto pareggio con il Milan. Per i toscani invece, reduci da una sconfitta contro l’Inter, una vittoria ai danni dei capitolini potrebbe significare il distacco ancora più netto dalle 3 squadre che, con tutta probabilità, retrocederanno nel campionato cadetto.

E TARE…. – Il Castellani di Empoli sembra essere una vera roccaforte per la squadra toscana, tanto che per ritrovare l’ultima vittoria dei biancocelesti fuori casa, bisogna tornare al lontano 2005, quando la Lazio di Delio Rossi si impose in rimonta per 3 reti a 2. Il match quella volta venne deciso dalle marcature di Dabo, Liverani e dell’attuale ds Tare. I 3 punti di quella partita furono i primi della stagione collezionati dalla Lazio in trasferta.

PRECEDENTI – Le due compagini si sono incontrate in territorio toscano 10 volte, di cui una in serie B. Nonostante le qualità della squadra con l’aquila sul petto, i precedenti non la favoriscono. Sono infatti riusciti a vincere solo 2 volte. Per 5 volte hanno subito la sconfitta e nelle restanti 3 volte, il match si è concluso con il pareggio.

Empoli sembra essere un territorio ostile per le Aquile. Nella stagione 98/99, arrivò l’unico confronto a reti inviolate tra le due compagini. La Lazio occupava temporaneamente la prima posizione. Vincere avrebbe significato sicuramente il titolo. I biancocelesti non riuscirono ad imporsi e in quella stagione fu il Milan a trionfare.

A poche ore dal 25esimo match di campionato, gli uomini di Inzaghi sono chiamati a sfatare il tabù e ad espugnare dopo 12 anni il Castellani.

QUI PER L’INTERVISTA IN ESCLUSIVA A MACCARONE

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here