ACCADDE OGGI. Superato lo scoglio Chelsea. Lazio prima nel girone di Champions

ACCADDE OGGI – Torna la rubrica di Lazionews.eu in cui vi raccontiamo giorno per giorno gli eventi della storia biancoceleste e non solo…

LAZIO – 7 dicembre 1999. All’Olimpico di Roma, arriva il Chelsea degli italiani Di Matteo, Zola e mister Vialli. Proprio quest’ultimo ritrova, da avversario, l’amico Roberto Mancini, autore di una prova incolore (come molti fra i ventidue in campo). Sin dagli schieramenti iniziali, le due compagini danno l’impressione di non volersi fare troppo male: in particolare, Eriksson tiene fuori Sensini, Conceiçao e Salas, rimpiazzati da Couto, Lombardo e Simone Inzaghi. Né gli inglesi, né i capitolini cercano di fare la partita. Il pareggio va benissimo ad entrambe e, in barba al pubblico pagante, lo spettacolo è ridotto al minimo indispensabile. Ad eccezione di un lampo di Zola, con salvataggio di Gottardi, ed un palo colpito da Veron direttamente da calcio d’angolo, tutto ciò che anima i tifosi presenti allo stadio sono i siparietti di Vialli (espulso) e le provocazioni di Couto. Salas, entrato nel finale, si lamenta, tanto in campo, quanto in zona mista, per un rigore non assegnatogli per un fallo subito da Poyet. All’Olimpico vince la noia, si sarebbe detto qualche decennio fa. La realtà del calcio moderno è ben diversa: vincono entrambe, con un punto che le mantiene al comando del girone nella fase 2 di Champions League, in quella che, la Lazio ancora non lo sa, sarà la stagione più bella della storia.

STORIA – 7 dicembre 1941. Il Giappone, col nome in codice di operazione Z, sferra il celebre attacco alla base navale statunitense di Pearl Harbor, nelle isole Hawaii. Il blitz avviene senza previa dichiarazione di guerra da parte dell’Impero nipponico ed ha come conseguenza l’ingresso nel conflitto da parte del colosso americano, con un’escalation di violenza che culminerà, poco meno di quattro anni dopo, in modo straziante, con le due bombe atomiche sganciate sul suolo giapponese, ad Hiroshima e Nagasaki. L’attacco, chiamato anche operazione Hawaii od operazione AI, viene condotto dall’ammiraglio Yamamoto ed è un successo: numerose sono le navi affondate o danneggiate gravemente. Il Giappone ottiene il momentaneo controllo del Pacifico, fin quando gli Stati Uniti non riusciranno a riallestire una nuova flotta, capace di tener testa a quella del nemico asiatico. Le perdite, a Pearl Harbor, ammontano a 2403 americani e 189 giapponesi, tra cui molti kamikaze dell’aviazione.

SPORT – 7 dicembre 1980. Nasce a Londra John George Terry, uno dei più forti difensori dell’epoca moderna, partito dalle giovanili del West Ham e consacratosi con il Chelsea, club di cui è stato leader indiscusso per 22 anni, interrotti soltanto da un breve prestito al Nottingham Forest nel lontano marzo 2000. Con i ‘Blues’ ha vinto 5 Scudetti, 5 FA Cup, 3 Coppe di Lega inglese, 2 Community Shield, 1 Champions League, 1 Europa League ed 1 Supercoppa Europea. È stato inoltre insignito di tre premi “Miglior difensore della UEFA Champions League” (2005, 2008, 2009) ed un “Giocatore dell’anno della PFA” (2005). Dalla scorsa estate, il 78 volte Nazionale inglese ha tentato una nuova avventura, con l’Aston Villa, nella seconda divisione, portando con sé la propria storica maglia numero 26.

Giordano Grassi

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here