LAZIO. ABETE: “Lotito non deve alimentare la cultura del sospetto”

ABETE RISPONDE A LOTITO – Il presidente federale Giancarlo Abete risponde alle dure critiche di Lotito al mondo del calcio dopo la sconfitta della Lazio contro la Juventus:

Lotito non è fuori dal sistema visto che è consigliere federale ed è dentro la Lega. Il problema non è essere dentro o fuori, ma fare discussioni con dei contenuti senza alimentare la cultura del sospetto. Gli errori ci sono e ne siamo consapevoli. Roma favorita? È una valutazione che si può fare: c’è sbilanciamento, ma è un dato positivo che dimostra come non esista la logica della compensazione. Le valutazioni e critiche sull’arbitraggio rientrano nel legittimo diritto di un club, ma è necessario che siano fatte con toni e modalità rispettose e comprensibili. Bisogna essere trasparenti, senza fare confusione”.

Il presidente della Lazio verrà ascoltato da Palazzi: “Lotito potrà ora chiarire se ci sono situazioni di cui è a conoscenza o se si tratta solo di amarezza per arbitraggi non confacenti. Nella sua piena autonomia Palazzi vorrà ascoltare Lotito per farsi un’idea chiara rispetto a quanto è apparso nelle interviste. Da parte sua, il presidente della Lazio potrà spiegare le sue preoccupazioni, o raccontare fatti e eventi di cui è a conoscenza“.

P.P.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.