QUI MARIENFELD. PIOLI abbraccia DE VRIJ: ‘palla avvelenata’ e coppia con CIANI (FOTO e VIDEO)

MARIENFELD 2014GIORNO 3 – Lazio in campo dalle ore 10 per la seduta mattutina, per lo più atletica e a sfondo tecnico, sempre all’insegna del sorriso unito al duro lavoro. Continui siparietti tra i più giovani, che si rincorrono a suon di “buffetti” e mini-sfide, per ogni esercizio comandato da mister PIOLI. In questo senso il più attivo è apparso TOUNKARA, mentre il “gemello” KEITA è quello maggiormente spronato dal tecnico ex-Bologna.

Ritiro Marienfeld Parolo Ledesma

SPECIAL PIOLI – L’allenamento si è svolto quasi sembre mediante l’uso del pallone, a riprova di quanto visto nel ritiro di AURONZO di CADORE, in perfetto stile Mourinho. con un focus specifico su cambi di direzione, serpentine e conclusioni a rete. Concentratissimi in neo-arrivati nazionali, in particolare LULIC e CANDREVA, più seriosi rispetto ad un più sorridente GONZALEZ. Anche PAROLO continua a regalare sensazioni positive, sia dal punto di vista fisico, sia da quello della dedizione al lavoro.

DE VRIJ CIANI L

GIOIA E SUDORE – Si lavora in quel di Marienfeld, sodo e ad altissima intensità. Eppure PIOLI non manca mai di alleggerire la fatica stampando il sorriso sulle labbra dei suoi giocatori. Come? Attraverso giochi di gruppo basati sulla mobilità, all’inizio di ogni ripresa pomeridiana, che riportano la memoria ai tempi della più gaia infanzia. Ieri era stato il turno di una sorta di “ruba bandiera” a squadre, mediate l’utilizzo di fratini colorate, mentre oggi si è passati alla rivisitazione della “palla avvelenata”. Risate e buon umore, che hanno investito anche l’ultimo arrivato STEFAN DE VRIJ”, che stamane alle ore 11:20 aveva fatto il suo ingresso in Hotel.

DeVrijL

ECCO DE VRIJ –  Nel pomeriggio si è messo agli ordini di STEFANO PIOLI, che lo gli ha dato subito la massima attenzione possibile, seguendolo passo-passo negli esercizi di marcatura. Poi l’olandase si è riunito al gruppo per un allenamento composito, di triangolazioni e conclusioni a rete, skip centrali e laterali, per concludere con uno slalom in cambio di passo e riniziare da capo. Il numero 3 biancoceleste ha messo subito in mostra il suo pezzo forte, il colpo di testa, colpendo una traversa e mettendo il pallone successivo alle spalle di STRAKOSHA. Poi le prime prove tattiche e la partitella finale, dove ha esordito in coppia con CIANI, anche lui prodigo di continui consigli per un movimento armonico del reparto. Qualche bella chiusura, condita da un’ottima proprietà di palleggio e i primi complimenti dei compagni. L’avventura è appena iniziata.

PEREIRINHA L

PRIMI ACCIACCHI – Per qualcun altro invece, qualche problemino potrebbe rovinare l’idillio. PEREIRINHA ha rimediato una distorsione alla caviglia destra durante un contrasto di gioco, mentre FILIPPINI ha abbandonato il campo di gioco anzitempo per un problema all’aduttore sinistro. Piccolo passo indietro anche per HONORATO EDERSON, che dopo il lavoro a pieno regime dei giorni scorsi, ha accusato un piccolo risentimento e ha osservato un riposo precauzionale. Completamente recuperato infine, Filip DJORDJEVIC, che ha superato il problema occorso nelle Dolomiti. Domani prevista un’unica seduta alle ore 17.

Dall’inviato, Francesco Pagliaro

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.