CORRIERE DELLO SPORT. Gonzalez: Sogno la Coppa grazie alla Lazio

(getty images)

[…] Ci sta pensando Ca­vani, come tutti gli uruguaiani, come Forlan e Suarez oppure Muslera e Lu­gano, ma per Alvaro ‘el Tata’ Gonzalez ‘alzare’ questa Coppa America sarebbe davvero speciale. Gonzalez è abituato a conquistarsi tutto con grande fatica, non gli regalano mai nulla: nella Lazio non è una stella, anzi è quasi un com­primario e quando tornerà in Italia do­vrà sudare (ci risiamo) per avere una maglia. Con l’Uruguay, all’inizio il suo posto era in panchina, ma da quando il Maestro Tabarez l’ha mandato in cam­po non è più uscito ed è diventato una delle chiavi del successo della Celeste. Ecco allora quel pensiero che ogni ora che passa si fa sempre più insistente, una coppa per l’Uruguay, per la gente,ma anche per Alvaro e la Lazio. Torna­re a Roma da campione… Sì perché Al­varo Gonzalez la Lazio non l’ha mai messa da parte, nemmeno in questo mese fatto di trasferte, allenamenti, partite, sofferenze, gol e vittorie.«De­vo ringraziare la Lazio se posso vive­re questo sogno»ha gridato con tutto il fiato che gli era rimasto dopo aver bat­tuto il Perù ed aver raggiunto la finale.

VOGLIA DI COPPA –Ades­so che la Coppa è così vicina ‘ el Tata’, un so­prannome comune in Sudamerica, c’è l’ha an­che Martino, ct del Pa­raguay (il saggio, lette­ralmentesignifica padre, viene dato per rispetto) non vede l’ora di entrare in campo per trasformare in realtà il sogno.«Abbiamo una voglia incredibi­le di chiudere con una incoronazione­così ha cominciato a parlare della par­tita di domani –ma sarà una finale du­rissima per il rivale che dovremo af­frontare, però siamo fiduciosi, se fare­mo le cose bene e lasceremo tutto sul campo ci porteremo la Coppa in Uru­guay ».Gonzalez non si lascia incanta­re dal fatto che il Paraguay finora non ha mai vinto, accusato anzi di essere solo fortunato e di non meritare l’ulti­mo atto.«Ma non ha nemmeno perso– ecco la risposta del laziale –ha gioca­to contro nazionali forti, due volte con il Brasile, che era candidato alla vitto­ria finale e se sono rimasti imbattuti un motivo c’è».

LA STORIA –Per Gonzalez e i suoi com­pagni una vittoria domani con il Para­guay vorrebbe dire entrare nel paradi­so del calcio uruguaia­no.

«Questa nazionale­ha concluso –ha un grande passato, ha vin­to quattordici volte la Coppa America e per noi sarebbe bellissimo poter far parte della storia con il quindicesi­mo trionfo».

[…]

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.