IL MESSAGGERO. Pronti per l’Europa: grande intesa Klose-Cisse’, Konko la sorpresa

IL MESSAGGERO. Pronti per l’Europa: grande intesa Klose-Cisse’, Konko la sorpresa

Uno stralcio dell’articolo de Il Messaggero.  Reja è soddisfatto della squadra che ha terminato il ritiro di Auronzo di Cadore…

ROMA – La Lazio conclude la prima fase della preparazione estiva con entusiasmo e consapevolezza nei propri mezzi. Ieri i biancocelesti hanno salutato con il pareggio con lo Slavia Praga (3-3 con doppia rimonta) Auronzo di Cadore (forse il prossimo anno la sede cambierà), si concederanno qualche giorno di riposo e da martedì si ritroveranno a Formello per spostarsi per la seconda fase del ritiro a Fiuggi, dove resteranno fino al 31 luglio. L’obiettivo è trovarsi pronti per la sfida d’andata del turno preliminare in Europa League il 18 agosto. Il 5 ci saranno i sorteggi a Nyon e la Lazio conoscerà il suo avversario. […]
I due giocatori che più di altri hanno entusiasmato i tifosi sono Miroslav Klose e Djibril Cissè. «Sono due stelle di prima grandezza e devastanti in area di rigore. Con loro due credo che abbiamo risolto il problema del gol una volta per tutte», la certezza dell’allenatore laziale. La nota più positiva è che l’intesa tra i due attaccanti è avviata. Inutile nascondere che è dall’attaccante tedesco e da quello francese che partono le ambizioni di questa nuova squadra. Durante queste settimane Reja ha alternato il classico assetto della Lazio dell’anno scorso, il 4-2-3-1, con il modulo a rombo, 4-3-1-2. La sensazione è che questo schieramento sia nato durante il ritiro di Auronzo e proprio per non rinunciare all’esplosività in attacco di Klose-Cissè, con una fantasista come Hernanes alle loro spalle. Subito dietro un gruppo di giocatori come Brocchi, Ledesma, Cana e Gonzalez (l’unico assente ad Auronzo per l’impegno della coppa America) che hanno un innato spirito guerriero. Le caratteristiche di questi giocatori potrebbero dare la possibilità al terzetto di pensare più alla fase offensiva e meno a quella difensiva.
Per quanto riguarda la difesa, l’allenatore ha dovuto fare meno rivoluzioni, anche se l’avvio di Konko è stato molto promettente. Il francese si è inserito alla grande negli schemi della Lazio e non ha trovato alcuna difficoltà. Anzi almeno sul campo ha mostrato più senso tattico, più potenza e più costanza nella fase offensiva del suo predecessore Lichtsteiner. Il dato negativo con cui Reja ha dovuto convivere ogni giorno è il numero dei giocatori a disposizione, ben 33. La società e lo stesso tecnico però sono convinti che la prossima settimana molto si sistemerà. [..] Mauro Zarate si è presentato in ritiro con qualche chilo di troppo. L’argentino ha lavorato parecchio, ma è ancora poco brillante e forse risente un po’ troppo di non essere più un intoccabile. Lorik Cana è stato fermo per diversi giorni a causa di un’influenza, si è ripreso nell’ultima settimana dove ha lavorato bene. Senad Lulic è apparso un po’ in confusione all’inizio, ma ha finito il ritiro in crescendo. I vecchi come Ledesma, Brocchi, Mauri, Dias e Biava rappresentano la vecchia guardia e sono l’esempio della squadra. Ledesma e Brocchi sono già in forma-campionato. Per la prima volta Hernanes partecipa al ritiro pre-campionato e si vede già la differenza. […]

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.