STADIO OLIMPICO. PETRUCCI: «La Lazio paghi il debito o non giocherà a Roma»

STADIO OLIMPICO. PETRUCCI: «La Lazio paghi il debito o non giocherà a Roma»

Il Presidente del Coni torna sulla questione dello stadio…

(foto Getty Images)

Il Presidente del Coni , Gianni Petrucci, è tornato a parlare del debito della società biancoceleste nei confronti del Comitato Olimpico Nazionale per l’uso dello Stadio Olimpico.«O la Lazio paga il debito entro la scadenza prevista (30 giugno) o non potrà giocare allo Stadio Olimpico il prossimo campionato. Quando si firma un contratto – continua – , poi bisogna rispettarlo, punto e basta». A margine della conferenza stampa di presentazione dell’Assemblea organizzativa e programmatica dell’US Acli, che si svolgerà da domani a domenica presso il palazzo ‘Re Enzò di Bologna, il Presidente del Coni continua così. «La Lazio ha già firmato (lo scorso 19 aprile, ndr) il contratto per la prossima stagione, riconoscendo il debito pregresso e impegnandosi a rispettare la clausola per il prossimo campionato. Le condizioni non sono dunque negoziabili». Petrucci è disposto però a rivedere le condizioni a partire dalla stagione 2012-2013, perchè anche il Coni non è soddisfatto di alcuni aspetti del contratto. «Anche dal nostro punto di vista ci sono delle cose che non vanno e che sono da rivedere – ha ammesso – e da cambiare. Per questo siamo disponibili a rinegoziare i prossimi contratti, ma solo dopo che il presidente Lotito avrà saldato il debito e rispettato il contratto che ha già firmato». «Firenze come alternativa? Il campionato, la Lazio deve giocarlo a Romaha proseguito Petrucci – se paga lo farà, altrimenti no. La Roma ha già pagato e giocherà regolarmente all’Olimpico. Noi siamo l’istituzione dello sport italiano, mentre la Lazio è soltanto una società con fini di lucro, ed inoltre rappresenta una delle oltre 15 mila società sportive del nostro paese».

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here