Supercoppa. Buffon: “Vincere significa iniziare la stagione col piede giusto”

SUPERCOPPA JUVENTUS LAZIO BUFFON CONFERENZA – Come per la Lazio, con Inzaghi e Lulic, anche in casa Juve ad affiancare il tecnico Massimiliano Allegri nella conferenza stampa alla vigilia della finale di Supercoppa, c’è il capitano della squadra: in questo caso si tratta di Gianluigi Buffon. Queste le sue parole, rilasciate ai giornalisti presenti, tra i quali quelli di Lazionews.eu.

MAGLIA 10 JUVENTUS – “In questa squadra nessuno più di Dybala può ricevere questa gratificazione da parte della società. Credo che sia un segnale molto bello, responsabilizzante per lui e penso anche che un talento come lui, un giocatore con quel tipo di carattere e di voglia di migliorarsi e di vincere, possa rappresentare degnamente questo numero. Secondo me era l’unico che meritava e poteva prendere l’eredità di una maglia così pesante”.

ULTIMA STAGIONE DA CALCIATORE – “Sto pensando che domani ci sarà un’altra sfida e un’altra Supercoppa. E’ motivo di soddisfazione e di allegria, perché ho vissuto quasi sempre la mia vita cercando di estrapolare le cose positive da quelle negative. Da quando ho cominciato la stagione ho una strana euforia e felicità che è figlia di quel pizzico di follia che mi ha sempre contraddistinto e che mi ha portato fino a qua oggi e questo mi basta. Domani per noi è una partita importantissima e voglio disputarla, assaporare questo tipo di emozioni che non saranno eterne nel miglior modo possibile”.

DIFESA – “La vedo forte e sono convinto che sarà un punto di forza della squadra, come lo è sempre stato. Con caratteristiche diverse, ma i giocatori che la compongono non hanno nulla da invidiare a nessuno e questo basta ed avanza per avere ottimismo e di certezze. Se incontri squadre di livello come Barcellona, Real Madrid e Roma qualche gol lo prendi lo stesso, fare analisi adesso non penso abbia senso”.

SCZESZNY DOPO BUFFON – “Sicuramente, la Juve ha preso quello che è stato il miglior portiere dello scorso anno e ha già un’esperienza internazionale di club e di Nazionale molto importante. Credo che non abbia fatto nessun tipo di errore la società e credo che conoscendolo in questo mese che ci siamo allenati insieme posso confermare il giudizio sul portiere e posso dire che è un ragazzo che si è già inserito nel gruppo, nel modo di pensare e di lavorare della Juve”.

SUPERCOPPA DA FAVORITI – “Ci sono tutte le condizioni per fare una grande gare, al di là dell’avversario, che ha sempre fatto fatica perché lo abbiamo sempre rispettato e temuto. Mi auguro che questa striscia positiva e che questa bacheca già ricca di trofei possa venir rimpinguata ancora da un’altra Supercoppa che sarebbe come cominciare con il piede giusto. Un stagione nel quale ci sono stati dei cambiamenti e sarebbe di buon auspicio cominciare nel migliore dei modi”.

INSIDIE VINCERE SEMPRE – “Le insidie sono che come non si può perdere, si può non vincere. Se in cento anni nessuno aveva mai fatto come noi, parliamo di numeri giganteschi. Abbiamo la consapevolezza che molti si sono rinforzati, ma abbiamo la certezza che noi siamo sempre noi, se lo dimostreremo in campo sono convinto che saremo sempre là”.

SQUADRA PIU’ FORTE – “Dirlo ad agosto è come ululare alla luna, può aiutare ma non dici niente. Tra dieci giorni iniziano le prove vere ed è lì che devi dimostrarlo. Penso che la Juve sia sempre una squadra molto forte, quanto forte starà a noi e alla nostra fame di vittoria e alla nostra voglia di stupire e alla determinazione e alla ferocia con la quale vogliamo confermare di essere i più forti”.

FINE

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here