ACCADDE OGGI. Crespo gela il Bernabeu, Gottardi lo fa impallidire

ACCADDE OGGI – Torna la rubrica di Lazionews.eu in cui vi raccontiamo giorno per giorno gli eventi della storia biancoceleste e non solo…

LAZIO – 13 febbraio 2001. Zoff dimostra di aver sapientemente rimesso a posto i cocci lasciati da Eriksson e così, dopo il campionato e la Coppa Italia, il tecnico sfiora l’impresa anche in Champions League. Nella seconda fase a gironi della competizione, la situazione per i biancocelesti è disperata e serve l’impresa al Santagio Bernabeu di Madrid: Hernan Crespo, dopo quattro minuti, illude tutto il popolo laziale. La squadra c’è, grinta, corsa e cattiveria anche, entrambe le formazioni partoriscono un calcio scintillante e propositivo, ma il raddoppio non arriva, anzi: al 32′ Morientes punisce e pareggia per i “Blancos”. La Lazio non si scompone e nel secondo tempo produce il massimo sforzo. L’eroe iniziale, però, l’autore del momentaneo vantaggio, sembra aver perso l’ispirazione: Crespo si divora un paio di gol veramente incredibili. La mazzata arriva all’82’, con Simeone che va liscio davanti la propria porta, regalando ad Helguera un tap-in facile facile. E’ una botta che stenderebbe un mulo, ma non questa Lazio dalle mille vite: centoventi secondi e Guerino Gottardi fa 2-2. I sogni di gloria, stavolta definitivamente, li spezza l’arbitro Veissiére, regalando un calcio di rigore al Real Madrid al minuto 89, trasformato da FigoLazio che saluta quasi matematicamente la competizione, ma a testa alta.

STORIA – 13 febbraio 1894. I fratelli Lumiere brevettano il cinematografo, uno strumento in grado di unire le proprietà della macchina da presa e del proiettore, catturando, per la prima volta, la realtà nel suo continuo divenire. Dopo ottocento anni di ricerche, si completa così l’ennesima conquista evolutiva della mente umana. Per i consanguinei francesi più famosi dell’Ottocento fu fondamentale la precedente invenzione, da parte di Eastman, della pellicola cinematografica. Il brevetto “Cinematographe”, a dir la verità, esisteva già: i Lumiere poterono pertanto usare tale nome solo e soltanto perché Leon Bouly, inventore caduto in disgrazia e rivalutato in epoca moderna, non era più in grado di pagare il canone obbligatorio.

SPORT – 13 febbraio 1988. Calgary, in Canada, prendono il via le XV Olimpiadi invernali. L’URSS stravincerà il medagliere, il cui passo tenterà di reggerlo soltanto la Germania Est. Al termine della kermesse, saranno soltanto due gli ori della squadra italiana, entrambi di Alberto Tomba, più un argento e due bronzi.

Giordano Grassi

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here