SETTORE GIOVANILE. L’organizzatore del Torneo Niki furioso con la Lazio

 

L’organizzatore del torneo Niki,  Mario Di Francesco, ai microfoni di Fuori Area, ha accusato la Lazio vincitrice della manifestazioneper non aver schierato il nipote di Nicola Di Francesco, alla cui memoria è dedicato il torneo. Ecco le parole dell’organizzatore, rilasciate al sito passionecalcioweb.com:

“Non ho partecipato alla premiazione come ho sempre fatto per una forma di protesta nei confronti di alcuni dirigenti della Lazio. Ho un nipote che da sette anni gioca nella Lazio ed è il capitano del secondo gruppo. In qualità di organizzatore ed in memoria di mio fratello che era lo zio di questo bambino, avevo chiesto al club di far partecipare mio nipote al torneo indipendentemente da quale gruppo portasse. Mi sembrava una cosa umana per ricordare mio fratello, non c’è nessuna squadra che si sarebbe rifiutata ma la Lazio, nella persona di Sesena, ha rifiutato non concedendomi questo onore. A quel punto è intervenuto il generale Coletta che ha imposto che il ragazzo giocasse, ma così non è stato dal momento che in finale non è stato convocato nemmeno in tribuna nè per le premiazioni.Non far giocare un ragazzo di 13 anni ad un torneo in memoria dello zio ed organizzato dal nonno è una cosa vergognosa . Non so se ci sarà ancora un proseguio di questo torneo perchè quest’anno  avevo organizzato la manifestazione anche per far giocare mio nipote ma questo non mi è stato concesso. In totale avrà giocato al massimo dieci minuti ed è stata una presa in giro.Dal momento che mio nipote non ha avuto questa soddisfazione non so se il prossimo anno avrà ancora la voglia di organizzare ancora”.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here