Restiamo in contatto

ALLA LAVAGNA

ALLA LAVAGNA | Ciro salva il soldato biancoceleste: l’analisi tattica di Torino – Lazio

Pubblicato

il

lazionews-lazio-alla-lavagna-torino
Tempo di lettura: 3 minuti

FOCUS LAZIO TORINO – Quando nel 1998 Steven Spielberg presentava al mondo il kolossal ‘Salvate il soldato Ryan’, Ciro Immobile aveva ancora da diventare calciatore, figuriamoci pilastro e redentore di una Lazio che continua a faticare. A Torino, contro la solita squadra pragmatica e coriacea di Ivan Juric, gli uomini del duo SarriMartuscello sono apparsi ancora sottotono, salvati in pieno recupero dalla rete del sempre presente bomber di Torre Annunziata. Andiamo, dunque, a sviscerare tatticamente la partita per scoprire dove e come i biancocelesti hanno maturato un insperato pareggio sul campo dell’Olimpico ‘Grande Torino’.

Torino – Lazio: Sarri prova a cambiare

Il derby è alle porte. Così, in una settimana fitta d’impegni, anche il turnover, a dir la verità molto limitato, è tornato utile al duo SarriMartuscello. La guida tecnica della Lazio rinuncia quindi a tre pilastri come Milinkovic-Savic, Lucas Leiva e Pedro, lanciando dal primo minuto l’atleticità di Akpa Akpro, la voglia di incidere di Raul Moro e un Cataldi in rampa di lancio. Per il resto, soliti noti. Reina a difendere i pali della porta biancoceleste. Marusic, Luiz Felipe, Acerbi e Hysaj ancora alla ricerca dell’amalgama di reparto. Luis Alberto a completare il centrocampo. E davanti la fantasia di Felipe Anderson, che nello stadio granata giocò una delle più belle partite in maglia biancoazzurra, e il totem Ciro Immobile. Juric risponde con il solito 3-4-2-1, nel quale il neo-acquisto Josip Brekalo e Linetty ausiliano Sanabria nel difficile compito di sostituire capitan Belotti.

La chiave tattica dell’incontro

Più che di tattica, in una partita recitata per novanta minuti su un canovaccio classico e mai mutevole, le lente d’ingrandimento deve posarsi sul cambio Akpa Akpro – Muriqi. A metà tra la mossa della disperazione e il rimpinguare un’artiglieria che mai aveva sparato, Sarri e Martuscello hanno promosso l’ingresso del kosovaro, che, alla fine dei conti, si è rivelato essere decisivo. Fino a quel momento, allo spunto che ha permesso a Immobile di presentarsi sul dischetto, il Torino aveva chiuso a dovere i rifornimenti al cantiere Lazio. Nulla di speciale, sia chiaro, ma la solita partita a tutto campo, densa di duelli e intensità, ormai peculiare caratteristica delle squadre di Juric. Ritmi e pressione che i biancocelesti in questo momento faticano a reggere. E si è visto.

Lazio rimandata: cos’ha funzionato contro il Torino?

“Siamo in difficoltà perché siamo indietro con i concetti che vogliamo dare, ma la prestazione c’è stata”. In questa frase, tratta dalla conferenza stampa di Martuscello, c’è tutto il momento della Lazio. I dogmi del ‘Sarrismo’ faticano a essere assimilati, ma quando riescono a palesarsi tra testa e piedi dei giocatori lo spettacolo certo non manca. All’Olimpico ‘Grande Torino’ sono due le cose che certamente hanno funzionato: il palleggio, soprattutto nella prima metà del secondo tempo, e la reazione. Non era facile in uno stadio caldo, dopo che Reina aveva già messo a referto un trittico di grandi interventi, trovare la forza per pareggiare l’incontro, eppure Immobile e compagni ce l’hanno fatta. Anche da questo si dovrà ripartire in vista del derby.

Manovra e individualità: cosa manca ancora alla Lazio

Difficile dire adesso cosa manca alla squadra di Maurizio Sarri. Sarebbe come sottolineare che a una squadra in costruzione manchi ancora il tetto o le pareti o l’arredamento. La Lazio è ancora un cantiere. Perciò, al di là del risultato, rimane normale vedere ancora le stelle latitare, la difesa arrancare alla ricerca di un assetto che doni stabilità o la manovra aritmica, priva ancora di quegli scambi e triangolazioni che celebre hanno reso il ‘Sarrismo’ persino nel vocabolario della lingua italiana. Tempo al tempo, le rivoluzioni non si sono mai fatte in un giorno. Figuriamoci in sei partite.

LEGGI ANCHE: L’analisi tattica di Lazio – Cagliari

LEGGI ANCHE: L’analisi tattica di Galatasaray – Lazio

Daniele Izzo

Continue Reading
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.