Una bella Italia non basta per superare l’Ucraina: al ‘Ferraris’ finisce 1 a 1. Immobile in campo nella ripresa

ITALIA UCRAINA – Una bella Italia non basta per tornare alla vittoria. Allo stadio ‘Ferraris’ di Genova, infatti, finisce 1 a 1 l’amichevole tra gli azzurri e l’Ucraina, al termine di un match giocato a buoni ritmi ma con poche occasioni create. Roberto Mancini prova nuove soluzioni e lancia dal primo minuto Bernardeschi e Chiesa, con Insigne da ‘falso nove’. L’Italia parte con giusto piglio, tira spesso verso la porta ma Pyatov è un muro: ad impegnarlo maggiormente è Barella con una conclusione a giro dal limite. Al 43′ il gioco si ferma per un minuto, con lo stadio in piedi a ricordare le vittime del crollo del ponte Morandi. Nella ripresa le vere emozioni del match: il gol di Bernardeschi su papera del portiere ucraino sembra spianare la strada agli azzurri ma il pareggio di Malinovskiy rovina i piani di Mancini. Il centrocampista del Genk va vicino alla doppietta poco dopo, cogliendo in pieno la traversa con un tiro da fuori, poi il forcing finale è tutto azzurro ma il risultato non cambia sino al triplice fischio.

I LAZIALI – Il ct Mancini non schiera né Immobile né Acerbi dal primo minuto. Mentre il difensore è rimasto in panchina per tutto il match, l’attaccante napoletano è entrato in campo al 56′. Dopo un inizio timido, Ciro ha avuto un paio di occasioni nel finale ma non è riuscito a trovare il guizzo giusto davanti a Pyatov. Domenica in Polonia non si può più sbagliare: l’Italia dovrà ritrovare la vittoria per non rischiare la retrocessione nella Serie B della Nations League.

Marco Barbaliscia

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.