BayArena infuocato, ma la tradizione lascia ben sperare

NUMERI E CURIOSITA’ – Attenzione massima: mercoledì sera alla BayArena la Lazio si gioca l’accesso nell’Europa che conta. Reduci dalla vittoria interna (1-0) della scorsa settimana, alla truppa di Pioli sarà sufficiente un pareggio per strappare il pass per la Champions, una competizione che a Formello manca dalla stagione 2007/2008.

TRADIZIONE FAVOREVOLE – Sia Pioli che Schmidt si avvicinano alla sfida con qualche dubbio in merito alla formazione da schierare (il tecnico biancoceleste dovrà fare a meno di tre giocatori cardine come Marchetti, Biglia e Klose), ma una certezza c’è: l’atmosfera infuocata che attenderà i biancocelesti. Il BayArena, infatti, sarà stracolmo con i tifosi di casa che cercheranno di spingere i propri beniamini nell’impresa di ribaltare il risultato. Questo sarà senz’altro un fattore da tenere in considerazione: è grazie anche al loro supporto che le “Aspirine” hanno vinto quattro delle ultime cinque partite europee in casa. Negli ultimi anni, però, la Lazio in campo internazionale ha sempre dimostrato di essere un osso duro: non a caso ha perso una sola delle ultime undici trasferte europee (quella di Istanbul col Fenerbahce dell’aprile 2013, ndr) collezionando quattro vittorie e sei pareggi. Nello stesso arco di tempo ha anche sfatato il “tabù tedesco”: negli ultimi quattro incroci contro una teutonica non è mai arrivata la sconfitta. Si tratta dei precedenti contro Stoccarda e Borussia Monchengladbach, dove sono stati raccolte tre vittorie ed un pareggio. Se la Lazio riuscirà a mantenere fede a questo trend allora il ritorno nella Capitale sarà senz’altro trionfale. 

D.G.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.