Dal record europeo alla lotta in campionato, fino al (ri)nato André Silva: ecco il Siviglia

LAZIO SIVIGLIA AVVERSARIA – Sarà il Siviglia il prossimo avversario della Lazio ai sedicesimi di Europa League. “Poteva andarci meglio”, ha commentato Inzaghi: in effetti, la compagine spagnola è tutt’altro che tranquilla.

IDENTIKIT – Il Siviglia è il più antico club di Spagna, fondato il 25 gennaio del 1890. Nel corso della sua lunga storia, il club biancorosso ha vinto, in ambito nazionale, un campionato, cinque Coppe del Re, una Supercoppa spagnola. In campo internazionale ha invece vinto ben cinque Europa League (record assoluto nella competizione) ed una Supercoppa Uefa.

IL MOMENTO – Al momento, la squadra allenata da Machin occupa la seconda posizione di Liga, a 31 punti a pari merito con l’Atletico Madrid e a tre punti dal Barcellona capolista. Nove le vittorie a fronte delle tre sconfitte finora collezionate; quattro invece i pareggi. Con 29 gol messi a segno, quello andaluso si conferma il miglior attacco del campionato spagnolo dopo quello blaugrana.

CHI TEMERE – Tra i calciatori più temibili dell’intera rosa c’è una vecchia conoscenza del campionato italiano, che in Spagna sembra però aver trovato la sua dimensione. Parliamo di André Silva, l’ex rossonero che con 8 reti messe a segno è quinto nella classifica cannonieri iberica. Otto anche le reti firmate dall’attaccante in Europa League. Insomma, il Milan è solo un lontano ricordo: il portoghese, in terra andalusa, è (ri)nato.

GLI EXLuis Alberto, Caceres, Immobile e Correa: ben quattro i biancocelesti che in passato hanno già indossato la casacca biancorossa. È il trequartista spagnolo, in particolare, ad essere rimasto affezionato a quella che definisce la sua “squadra del cuore“. Se i tre attaccanti ora alla Lazio avranno modo di rivedere l’ex, difficilmente per l’uruguaiano (con tutta probabilità fuori dalla lista UEFA) sarà possibile affrontare la squadra con cui ha passato due stagioni dal 2010 al 2012.

IL MODULO –  Gli spagnoli solitamente scendono in campo con il 3-4-1-2, affidandosi alla qualità e all’esperienza di Pablo Sarabia sulla trequarti, per poi concretizzare grazie alla tecnica e alla velocità del già citato André Silva e di Ben Yedder, tunisino classe ’90. 

LE DATE – Appuntamento rimandato a febbraio: il 14, alle 18.55, i biancocelesti ospiteranno gli andalusi all’Olimpico. Il 20 febbraio (giorno del compleanno di Ciro Immobile)  la Lazio di Inzaghi sarà invece attesa al Ramón Sánchez-Pizjuán di Siviglia. Il match di ritorno si giocherà di mercoledì alle 18.00 per non sovrapporsi alla sfida tra Betis e Rennes. E chissà che il bomber di Torre Annunziata, ormai leader nella Capitale, non possa festeggiare regalando ai suoi il passaggio agli ottavi.

Alessandra Marcelli

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.