LAZIO-BORUSSIA festa fine partita

NUMERI E CURIOSITA’ – Giovedì torna l’Europa League e, come l’anno scorso, l’obiettivo è sempre lo stesso: arrivare fino in fondo. Dopo l’eliminazione ai quarti dell’anno scorso per mano del FENERBAHCE che ha lasciato l’amaro in bocca a tutti i tifosi, la banda di PETKOVIC ci riprova nuovamente. E come dodici mesi fa, l’urna di Nyon ha inserito la LAZIO nel girone J, stavolta però in compagnia di TRABZONSPOR, APOLLON e LEGIA VARSAVIA. Saranno proprio i polacchi a dare il via alla nuova stagione internazionale.

LA PRIMA VOLTA CONTRO IL LEGIA, MA CONTRO I POLACCHI TUTTO OK – Giovedì alle 21.05, presso lo stadio Olimpico LAZIO e LEGIA, vincitrici delle rispettive coppe nazionali, si affronteranno per la prima volta in competizioni UEFA. I biancocelesti però hanno due precedenti favorevoli contro le formazione polacche: nei quarti di finale della COPPA UEFA 2003/2004, la truppa guidata allora da MANCINI ha steso nel doppio confronto il WISLA CRACOVIA (3-3 all’Olimpico, 1-2 in trasferta dopo aver dovuto attendere una settimana visto che il terreno di gioco dello stadio Miejski era completamente ghiacciato). Precedenti meno positivi invece per il LEGIA che ha affrontato club italiani in 12 occasioni, vincendo solamente due volte e raccogliendo 5 pareggi e altrettante sconfitte.

PROSEGUIRE IL RECORD DELLO SCORSO ANNO – Ripartire da quanto di buono fatto lo scorso anno. Se possibile, proseguendo sulla stessa strada a partire dall‘imbattibilità casalinga in Europa. La LAZIO infatti non perde tra le proprie mura da sette incontri (5 vittorie e 2 pareggi). L’ultima sconfitta risale all’edizione del 2011/12 quando i biancocelesti dovettero piegarsi ai sedicesimi di finale per 1-3 sotto i colpi dell’ATLETICO MADRID, futuro vincitore della coppa.

Daniele Gargiulo

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.