AGGIORNAMENTO 13/02 ORE 19:20 Sembra già rientrato l’allarme Guilherme in casa Udinese. Il calciatore, infatti, quest’oggi si è allenato regolarmente e con la Lazio dovrebbe partire da titolare. L’unico dubbio da sciogliere ora è se confermare Bruno Fernandes o dare fiducia a Badu, tornato in questi giorni dalla Coppa d’Africa.

AGGIORNAMENTO 12/02 ORE 18:57 Una notizia buona ed una cattiva per Andrea Stramaccioni. Per un Badu che torna (il centrocampista  è rientrato in Friuli dopo gli impegni con la maglia della Nazionale per la coppa d’Africa), c’è un Guilherme che si ferma. Il giocatore, infatti, nella seduta odierna di allenamento ha riportato una distorsione alla caviglia. Sebbene i tempi di recupero siano da valutarsi nei prossimi giorni, la sua presenza contro la Lazio è in forte dubbio.

L’AVVERSARIO: UDINESE –  Ventotto punti portati a casa, ventisei gol realizzati e trenta subiti. Sono questi i numeri dell’Udinese fino a questo momento. Sebbene non esaltante, il cammino di Andrea Stramaccioni sembra procedere senza troppi drammi.  Merito del patron Pozzo che ha saputo tirare su una squadra importante senza dover rinunciare a nessuno, o quasi, dei prezzi pregiati che avevano fatto la fortuna di Guidolin. Alla partenza di Pereyra, accasatosi alla Juventus, i friulani hanno risposta dando fiducia a Konè e a Thereau, già quasi vicino al raggiungimento della doppia cifra. L’operazione più importante, ovviamente, è stata la conferma di Di Natale che, nonostante le voci di un possibile addio circolate nell’ultima parte della scorsa stagione, ha deciso di restare sulla nave per guidare la squadra a traguardi importanti. E i numeri non si stanno facendo attendere. In ventidue partite, il napoletano ha messo a segno ben nove reti, di cui solamente una realizzata lontana dal Friuli. Insomma, la Lazio è avvertita: per portarsi a casa tre punti scaccia-crisi, la difesa biancoceleste dovrà tenere a bada la fame dell’attaccante, che ogni volta che vede i capitolini tira fuori il meglio di sé.

IL MOMENTO DELL’UDINESERisale al 26 ottobre del 2014 l’ultima vittoria della truppa di Stramaccioni tra le mura amiche. Dopo il 2-0 ai danni dell’Atalanta, sono arrivati solamente tre pareggi e tre sconfitte. Inoltre, nelle ultime dieci partite l’Udinese ha portato a casa i tre punti in appena due occasioni, l’ultima il 26 gennaio in casa dell’Empoli. Tuttavia, mai sottovalutare Allan e compagni che, nelle ultime partite, hanno messo in grandissima difficoltà le prime della classe, Roma e Juventus.

COME SCENDERANNO IN CAMPO – Scontata la giornata di squalifica, tornerà Antonio Di Natale a guidare l’attacco dell’Udinese. Accanto a lui, nel consueto 3-5-2 di Stramaccioni, ci sarà Thereau. In difesa spazio al trio formato da Danilo, Hertaux e l’ex romanista Piris mentre a centrocampo, senza Koné squalificato e Pasquale, saranno confermati i quattro centrocampisti che hanno perso a Napoli con l’ingresso di Gabriel Silva. In porta ovviamente, Karnezis.

Benedetta Orefice

PROBABILE FORMAZIONE

Udinese (3-5-2): Karnezis, Heurtaux, Danilo, Piris; Widmer, Guilherme, Allan, Bruno Fernandes, Gabriel Silva; Di Natale, Thereau.

Squalificati: Kone, Pasquale

Indisponibili: Badu, Evangelista, A. Zapata, Domizzi, Geijo.

LA ROSA DELL’UDINESE

Portieri
22 Scuffet Simone
31 Karnezis Orestis
97 Meret Alex

Difensori

2 Wague Molla
5 Danilo Larangeira
11 Domizzi Maurizio
18 Bubnjic Igor
75 Herteaux Thomas

Centrocampisti

6 Marques Loureiro Allan
7 Badu Emmanuel
8 Borges Fernandes Bruno
19 Dos Santos Torres Guilherme
21 Hallberg Charles Melker Otto
23 Alves Dos Santos Jadson
26 Pasquale Giovanni
27 Widmer Silvan
33 Kone Panagiotis
34 Antunes Da Silva Gabriel
66 Pinzi Giampiero
89 Piris Ivan Rodrigo

Attaccanti 

9 Perica Stipe
10 Di Natale Antonio
13 Zapata Alexis
77 Thereau Cyril
82 Gejo Alexandre Pazos
94 Aguirre Soto Rodrigo Sebastian
95 Santana De Oliveira Lucas Evangelista



Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.