Tempo di lettura: 2 minuti

Pubblicato il 16/08 alle 10.30

ZOOM AVVERSARIA SPAL – C’è ancora grande entusiasmo in casa Lazio per l’emozionante successo contro la Juventus, che è valso ai biancocelesti la Supercoppa TIM 2017, ma da oggi la truppa di Simone Inzaghi è chiamata a voltare pagina e preparare al meglio l’esordio di domenica sera in campionato. Allo stadio Olimpico arriva la Spal, vincitrice dell’ultimo campionato di Serie B e tornata nella massima serie dopo un digiuno di ben 49 anni. Una sfida molto insidiosa per la Lazio, contro un avversario che verrà a Roma senza nulla da perdere e che naturalmente non può offrire gli stessi stimoli che garantisce invece una finale contro i campioni d’Italia.

L’ALLENATORE – Un piccolo miracolo sportivo è quello che Leonardo Semplici è riuscito a compiere sulla panchina della Spal. Il 50enne fiorentino, dopo una carriera da calciatore trascorsa tutta nelle serie inferiori, si è guadagnato la ribalta grazie alle due promozioni consecutive ottenute alla guida del club ferrarese, al quale è arrivato nel dicembre 2014: nella stagione 2015/16 ha vinto il campionato di Lega Pro, lo scorso anno quello di Serie B. Ma nel suo palmares Semplici può vantare anche altre quattro promozioni alla guida di Sangimignano (dall’Eccellenza alla D) e Figline (dall’Eccellenza fino alla Lega Pro Prima Divisione). Nella sua bacheca anche la Panchina d’oro Lega Pro 2015.

GIOCATORI CHIAVE  – Per provare la grande impresa di restare in Serie A la Spal si affiderà soprattutto ai suoi calciatori di maggiore esperienza. Uno è una vecchia conoscenza della Lazio, quel Sergio Floccari grande protagonista nella vittoria della Coppa Italia 2013, arrivato a Ferrara a gennaio e decisivo con i suoi gol per la promozione della Spal. Come spalla offensiva in questa stagione portà contare su Alberto Paloschi, in cerca di riscatto dopo una stagione nera all’Atalanta, e Marco Borriello, appena arrivato dal Cagliari. Dietro Semplici si affida soprattutto alla grande esperienza di Felipe che, con le sue oltre 300 presenze in Serie A, avrà il compito di favorire la maturazione dei più giovani compagni di reparto.

COME SCENDERANNO IN CAMPO – Consueto 3-5-2 per Semplici, con i due esterni che si abbassano spesso sulla linea dei centrali garantendo maggiore copertura dalle parti di Gomis, il quale sostituisce in porta l’infortunato Meret. Sicuramente out Grassi (lesione di primo grado al quadricipite femorale destro) e Felipe (distorsione alla caviglia). In mediana il gioco passa dai piedi di Federico Viviani, in cerca della definitiva consacrazione dopo la buona stagione al Bologna, con Mora pronto a supportare con i suoi inserimenti la fase offensiva. Tanti i dubbi in attacco per mister Semplici. L’unico certo del posto è Paloschi: al suo fianco uno tra il neo arrivato Borriello, Antenucci e Floccari, quest’ultimo alle prese con il recupero da un problema muscolare.

Marco Di Federico

PROBABILE FORMAZIONE – (3-5-2) Gomis; Cremonesi, Vicari, Oikonomou; Lazzari, Schiattarella, Viviani, Mora, Costa; Antenucci, Paloschi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.
La nostra redazione nasce nel 2011, per la grande immensa passione per la Lazio che ci ha sempre guidato dalla nascita. Il nostro obiettivo è quello di rendere l'informazione biancoceleste libera da ogni tipo di commento e di opinione personale. A noi piace fare i 'cronisti', raccontare quello che vediamo, quello che ci viene detto attraverso le nostre esclusive, approfondire ogni tematica riguardante la prima squadra della Capitale. Il nostro slogan? "Lazionews.eu: la tua Lazio, in tempo reale". FORZA LAZIO!!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.