Tempo di lettura: 2 minuti


L’AVVERSARIA: IL PARMA – Storia strana quella del Parma. Dalle stelle della qualificazione europea alle stalle della lotta alla retrocessione. In mezzo a questi due estremi c’è la mancata iscrizione all’Europa League a causa di problemi con il saldo Irpef, affiancata alle difficoltà economiche della società, che sta lottando strenuamente per riuscire a pagare gli stipendi dei calciatori. Ghirardi sta gettando le basi del mercato invernale, ma si è dichiarato pronto a cedere il club in caso di congrua offerta. È di pochi giorni fa l’indiscrezione, lanciata dalla nostra redazione, di un accordo tra Lazio e Parma che vedrebbe il presidente Lotito in soccorso del suo omonimo, ma la situazione è stata prontamente smentita. Nella scorsa stagione i ducali hanno guadagnato 58 punti, chiudendo al sesto posto dopo un grande campionato, coronato dal raggiungimento del record interno di 17 risultati utili consecutivi. Pur non avendo acquisito valori aggiunti nella sessione estiva del calciomercato, la squadra di Donadoni può contare su una buona rosa e sulla sua punta di diamante, Antonio Cassano. I precedenti in Emilia Romagna non sorridono ai biancocelesti, tornati a Roma vincenti solamente 5 volte su 27.

IL MOMENTO DEL PARMA – Pioli dovrà fronteggiare una squadra con l’acqua alla gola. Il Parma staziona in ultima posizione, frutto di sole due vittorie in 13 partite. Nell’ultima giornata ha subìto la rimonta del Palermo, perdendo per 2-1 in Sicilia. Nonostante il rischio di penalizzazione per motivi economici, i calciatori stanno dando segnali di ripresa e contro i rosanero hanno offerto una buona prova. Il problema di questa stagione sembra risiedere nei tanti infortuni che hanno coinvolto i pezzi pregiati, in primis Paletta, che potrebbe rivedere il campo a breve.

COME SCENDERANNO IN CAMPODonadoni, visto il momento delicatissimo, ha tramutato il 4-3-3 di inizio campionato in un 3-5-2, modulo che in passato ha garantito buoni risultati. Contro i biancocelesti oltre a Cassani, Coda e Ghezzal saranno indisponibili Biabiany (problemi cardiaci) e Paletta (lombosciatalgia). Mirante sta risolvendo un problema alla schiena e al ‘Tardini’ dovrebbe essere regolarmente tra i pali; davanti a lui la difesa a tre, orfana dello squalificato Felipe, sarà probabilmente composta da Santacroce, Lucarelli e Costa. Sulle fasce stazioneranno Ristovski e De Ceglie, mentre il trio centrale dovrebbe essere formato dal rientrante Acquah, affiancato da Lodi e J. Mauri. Palladino sembra avvantaggiato sulla concorrenza, potrebbe essere proprio lui la spalla di Antonio Cassano nel duo d’attacco.

 

Gian Marco Torre

PROBABILE FORMAZIONE – (3-5-2) Mirante; Santacroce, Lucarelli, Costa; Ristovski, Acquah, Lodi, Mauri J., De Ceglie; Palladino, Cassano.

Indisponibili: Biabiany (problemi cardiaci), Paletta (Lombosciatalgia), Cassani (Ernia discale), Coda (Trauna distorsivo al ginocchio sinistro), Ghezzal (Frattura scomposta al perone destro).

Squalificati: Felipe.

Diffidati: Galloppa, Gobbi.

PARMA F.C.

PORTIERI:

1 Cordaz Alex (ITA)

92 Coric Marijan (CRO)

22 Iacobucci Alessandro (ITA)

83 Mirante Antonio (ITA)

DIFENSORI

2 Cassani Mattia (ITA)

15 Costa Andrea (ITA)

11 De Ceglie Paolo (ITA)

58 Esposito Mirko (ITA)

19 Felipe (BRA)

6 Lucarelli Alessandro (ITA)

4 Mendes Pedro Filipe Teodosio (POR)

29 Paletta Gabriel Alejandro (ITA)

55 Pipoli Luca (ITA)

33 Rispoli Andrea (ITA)

13 Ristovski Stefan (MAC)

27 Santacroce Fabiano (ITA)

CENTROCAMPISTI

30 Acquah Afriyie (GHA)

7 Biabiany Jonathan Ludovic (FRA)

14 Galloppa Daniele (ITA)

18 Gobbi Massimo (ITA)

21 Lodi Francesco (ITA)

31 Mariga (KEN)

8 Mauri Jose (ARG)

ATTACCANTI

10 Belfodil Ishak (ALG)

20 Bidaoui Soufiane (MAR)

59 Capezzani Lorenzo (ITA)

99 Cassano Antonio (ITA)

88 Coda Massimo (ITA)

5 Ghezzal Abdelkader (ALG)

80 Jorquera Cristobal (CHI)

70 Lucas Souza (BRA)

54 Nyantakyi Solomon (GHA)

17 Palladino Raffaele (ITA)

9 Pozzi Nicola (ITA)

56 Tortora Giovanni (ITA)

ALLENATORE:

Donadoni Roberto (ITA)

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.
La nostra redazione nasce nel 2011, per la grande immensa passione per la Lazio che ci ha sempre guidato dalla nascita. Il nostro obiettivo è quello di rendere l'informazione biancoceleste libera da ogni tipo di commento e di opinione personale. A noi piace fare i 'cronisti', raccontare quello che vediamo, quello che ci viene detto attraverso le nostre esclusive, approfondire ogni tematica riguardante la prima squadra della Capitale. Il nostro slogan? "Lazionews.eu: la tua Lazio, in tempo reale". FORZA LAZIO!!!