lazionews-lazio-felipe-caicedo
LaPresse
Tempo di lettura: 2 minuti

CAICEDO LAZIO – Felipe Caicedo è risultato l’arma in più di una Lazio intrappolata tra infortuni e positività al Coronavirus. L’attaccante dell’Ecuador, nonostante soffra di un problema alla spalla, ha portato alla causa biancoceleste quattro punti negli ultimi due match contro Torino (3) e Juventus (1). Il Panterone ha confermato la statistica che lo vede essere il marcatore più frequente nei minuti di recupero. In totale, sono 28 i gol realizzati con l’aquila sul petto, 4 in questa stagione. Il suo intermediario, Vincenzo Tropiano, ha rilasciato un’intervista a calciomercato.it nella quale ha smentito le voci di un possibile addio dell’attaccante, anticipando anche qualche novità sul rinnovo.

Tropiano sul futuro di Caicedo alla Lazio

“I gol non contano soltanto nel numero, ma hanno valore nella pesantezza. Che Caicedo sia stato molto vicino a lasciare la Lazio ho seri dubbi. Offerte ce n’erano, ma se lui è rimasto è perché si trova benissimo, con la città, con Inzaghi e la squadra. L’allenatore in primis apprezza tantissimo il calciatore. La Lazio per nulla al mondo avrebbe voluto perdere Caicedo. Per quanto riguarda il rinnovo, avvicinandosi la scadenza, qualche scelta andrà fatta. Il giocatore si appresta a firmare uno degli ultimi contratti da calciatore, ben venga che l’accordo non sia stato firmato prima. Ora si va a negoziare con termini differenti. Auspico che resti alla Lazio, ma credo che adesso sarà meno difficile di un anno fa”.

Le caratteristiche di Caicedo

“Queste reti gli stanno dando una grande visibilità, però da un certo punto di vista non vorrei che diventasse una cosa sfavorevole. Molti ora cominciano a dire che Caicedo è più adatto agli ultimi minuti, ma non è così. In realtà è una persona molto semplice, quando entra in campo non mostra malumori, ma quando gioca dall’inizio va bene lo stesso. La sua fisicità, a gara in corso, sicuramente fa la differenza così come la sua serenità”.

Le curiosità su Caicedo

“Sto lavorando su un progetto con il suo procuratore per far sì che tutti i tifosi italiani possano conoscere bene la sua persona, le sue origini, la famiglia, la sua vita nel calcio e non solo. Spero di poterlo presentare in maniera giusta e come merita. Caicedo è una persona generosissima, legato alle sue origini, al suo paese. Ha una fondazione in Ecuador dove aiuta e avvicina allo sport e alla formazioni i bambini. Quella sua aria di gigante buono è reale, è veramente un bravo ragazzo e ciò lo ha aiutato anche ad affermarsi. Contribuisce con una forza inimmaginabile all’interno dello spogliatoio, riesce a trasmettere felicità e familiarità di grande livello. Noi non dobbiamo mai dimenticare quando, l’anno scorso, alla festa di Natale della Lazio fu l’unico a pronunciare la parola Scudetto. Una persona pane al pane, vino al vino. Per chi ha la fortuna di conoscerlo e frequentarlo, è un ragazzo che ti lascia qualcosa”.

Il prossimo mercato della Lazio

“Nell’ultima sessione di mercato ho proposto alla Lazio un portiere molto giovane, ma non posso fare il nome perché è una situazione non ancora abbandonata. Per la prossima finestra vedremo come andrà. Sono stato anche l’intermediario nell’operazione Caceres. Ho la fortuna di rappresentare procuratori molto importanti in Italia, analizzeremo se, per la prossima sessione di mercato, possono essere appetibili altri giocatori per la Serie A e per la Lazio“. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.