Lazionews-Premier-league-guardiola
Getty Images
Tempo di lettura: < 1 minuto

CORONAVIRUS PREMIER LEAGUE – Il mondo del calcio aspetta segnali confortanti e dati sicuri prima di riaprire i battenti. In queste settimane in cui l’Europa vive il picco dei contagi di Coronavirus, le principali federazioni sono chiamate a prendere decisioni sui campionati nazionali. La Premier League, attraverso un comunicato ufficiale, ha reso noto che le competizioni non ripartiranno a maggio e ha inoltre dato delucidazioni riguardo al delicato argomento degli stipendi dei calciatori.

Coronavirus, il comunicato della Premier League

“E’ stato stabilito che la Premier League non riprenderà all’inizio di maggio e che la stagione ripartirà solo quando sarà più appropriato farlo. La data per la ripartenza è in costante revisione con tutte le parti interessate, lavoriamo tutti insieme in un momento così impegnativo. C’è l’obiettivo comune di giocare tutte le partite di campionato e coppe nazionali restanti, al fine di mantenere l’integrità di tutte le competizioni. Tuttavia, qualsiasi ritorno in campo avverrà solo con il pieno sostegno del Governo e quando la situazione medica lo consentirà. A fronte di perdite così sostanziali e continue per la stagione 2019/20, i club della Premier League hanno concordato all’unanimità di consultare i loro giocatori in merito ad una combinazione di riduzioni condizionate e rinvii pari al 30% della retribuzione totale annuale”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.