Sarri: "Sono arrabbiato con i giocatori. Immobile è un capro espiatorio"

Pubblicato 
venerdì, 01/04/2022
Di
Daniele Izzo
lazionews-lazio-udinese-sarri-coppa-italia
Tempo di lettura: 2 minuti

LAZIO SASSUOLO CONFERENZA SARRI - La dolorosa - per noi italiani - pausa dovuta alle Nazionali lascia nuovamente posto alla Serie A. Sabato, alle ore 18.00, la Lazio scende in campo con il Sassuolo. In vista del calcio d'inizio dell'Olimpico, oggi, alla vigilia dell'incontro, Maurizio Sarri è intervenuto in conferenza stampa per rispondere alle domande dei giornalisti presenti.

Lazio - Sassuolo, la conferenza stampa di Maurizio Sarri

"I ragazzi sono rientrati principalmente ieri, facendo un solo allenamento. Non è che li potevo trovare brillantissimi perché il derby ha lasciato scorie. Cerchiamo di trasformarle in energia positiva perché domani arriva una delle squadre più forti d'Italia".

Il finale di stagione della Lazio

"Io mi aspetto un finale di stagione buono da tutti. Anzi lo pretenderei. Il derby è una partita da riscattare con un finale di stagione di alto livello, aldilà della posizione in classifica".

Il colloquio Lotito-giocatori

"Lotito io l'ho visto ieri e l'obiettivo era, visto che per la prima volta c'erano tutti, di parlare con i giocatori. Prima l'ho fatto io, poi lui perché abbiamo fatto una partita con la Roma inspiegabile, non per il risultato ma per l'atteggiamento. Io sono in....mo con i giocatori per questo motivo, ma sono in....to anche con me stesso: avevo avuto brutte sensazioni, ho cercato di intervenire ma non l'ho fatto nella maniera giusta. Il momento è quindi questo: orgoglio e reazione. Futuro? Per me è il Sassuolo".

Sui giocatori che vanno a parametro zero

"Io voglio sperare di avere a disposizione dei professionisti di alto livello, che sanno che non ci sono partite che non contano niente. Ogni sfida può avere risvolti negativi o positivi. Voglio partire da questo tipo di presupposto".

La Lazio per motivare nuovamente Immobile

"Ho parlato subito con Ciro, dicendogli quello che penso: lui è un capro espiatorio di una situazione generale. Non se la deve prendere, sa benissimo cosa c'è dietro. Fossi in lui saprei benissimo cosa fare, ma toccherà a lui decidere. Quando rientra alla Lazio però reagisce subito, combatte ed è reattivo. Sono fiducioso".

LEGGI ANCHE --> Caro Immobile, non ti curar di loro ma guarda e passa

Un'analisi sui momenti no della Lazio

"L'aspetto tattico non c'entra niente. Il motivo è difficile da scovare, perché se uno di noi fosse stato capace di carpirlo saremmo andati a curare. Ultimamente la squadra non c'era più ricaduta, a differenza della prima parte di stagione, ma purtroppo ci siamo ricaduti nella domenica meno opportuna. Bisogna lavorarci e capire. Sicuramente la causa non è unica".

Sull'eliminazione dell'Italia e il movimento calcio italiano

"Io sono meno critico adesso rispetto a questa estate. Le Nazionali non rappresentano più il movimento. Se lo facessero, in questo momento l'Inghilterra sarebbe campione d'Europa e del Mondo. In questa settimana ho sentito sparare c....e mostruose sui problemi del calcio italiano. In realtà si sta parlando di tornei e partite. Poi che il nostro calcio ha dei problemi mi sembra evidente, anche se nessuno parla di quelli più seri: nessuno parla mai di strutture, di terreno di gioco e così siamo indietro di 30-40 anni rispetto agli altri".

Il momento di Toma Basic

"Involuto? No. Diciamo che ci aspettavamo una crescita più veloce. Ma non ho dubbi che il ragazzo rappresenterà il futuro della Lazio".

Le condizioni di Marusic

"Marusic ha fatto tutto l'allenamento. Ha un problemino che si porta dietro da tantissimi mesi, ma non sono preoccupato".

Su Lazzari

"Lazzari sta crescendo. Dopo lo stop ha fatto due partite, una breve l'altra più sostanziosa".

LEGGI ANCHE --> Le probabili formazioni di Lazio - Sassuolo

, , ,
Non perdiamoci di vista, seguici!
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram