CALCIOMERCATO

Leiva: “C’è ancora da lavorare, ma la strada è quella giusta”

- Advertisement -
Tempo di lettura: 2 minuti

LAZIO CONFERENZA STAMPA LEIVA – Nel giorno seguente la vittoria sul Fiori Barp Sospirolo, la Lazio si è ritrovata per la consueta seduta d’allenamento mattutina. Al termine di questa, Lucas Leiva si è presentato in conferenza stampa per rispondere alle domande dei giornalisti presenti ad Auronzo di Cadore.

La conferenza stampa di Leiva

“Clima positivo? Sì. A inizio ritiro si deve lavorare tanto, ancora di più con un allenatore nuovo e idee nuove. Il nostro gruppo è sempre stato umile, desideroso di imparare: stiamo facendo bene, ma è ancora presto per dare un giudizio”.

La condizione fisica

“Io l’anno scorso fisicamente ho avuto pochi problemi, anche se ho saltato il ritiro per un intervento al ginocchio. Certamente ora essere qui mi aiuta. Quindi fisicamente sto bene. In generale l’anno scorso è stato difficile per me e per il gruppo, però ci siamo ripreso. Adesso il mio ruolo è importante: il mister chiede tanta comunicazione e io provo a parlare, aiutare e capire il prima possibile i movimenti giusti per aiutare la squadra”.

I primi dettami tattici

“Il calcio di Sarri è diverso, con pressione alta e linea difensiva a metà campo: dobbiamo imparare ancora a lavorare come squadra e per farlo si deve solo continuare ad allenarsi. Giorno dopo giorno la condizione fisica migliora, la tattica si capisce meglio e piano piano possiamo fare grandi cose. Ci vuole pazienza, ma il gruppo è molto disponibile a imparare dal mister”.

Ruolo da portavoce di Sarri in campo

“No. Stiamo tutti imparando i movimenti e la tattica di Sarri“.

Su Luis Alberto

Luis Alberto è tornato e sta lavorando bene, come tutti gli altri. Come gruppo dobbiamo solo aiutare i compagni nel momento del bisogno. Se sta bene? E’ una domanda che dovreste fare a lui, non a me”.

Ruolo da play

“Ho avuto la possibilità di lavorare con tanti allenatori, ognuno con caratteristiche diverse. Io penso di poter migliorare nel palleggio, quindi non è una preoccupazione: devo imparare come gli altri e continuare a lavorare. Manca ancora molto, infatti, per arrivare dove Sarri pensa che possiamo arrivare. La disponibilità è fondamentale”.

Griglia per la Champions

“Troppo difficile dire ora dove arriveremo. Sistema, idee e allenatore sono nuovi. Il tempo lo dirà, ma la strada è giusta”.

Obiettivi personali

“Giocare più partite possibile aiutando sempre la squadra. A fine stagione poi tireremo le somme”.

Su Felipe Anderson

“Sinceramente sembra che Felipe non sia mai andato via. Conosce tutti, i compagni, la società: dal primo minuto quindi si è adattato. Lo vedo con tanta voglia di riprendere in mano la sua carriera, dopo un anno difficile, dove ha giocato poco”.

- Advertisement -© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

Latest Posts

APPROFONDIMENTI