Restiamo in contatto

CONFERENZE STAMPA

Napoli, Spalletti: “Ecco come stanno Insigne e Ruiz. Domani partita vera”

Pubblicato

il

lazionews-lazio-spalletti-napoli
Tempo di lettura: 3 minuti

NAPOLI CONFERENZA STAMPA SPALLETTI – Quasi in contemporanea con Danilo Cataldi, anche Luciano Spalletti è intervenuto in conferenza stampa per presentare Napoli – Lazio di domani, ma non solo.

LEGGI ANCHE –> Cataldi: “Giocare per Sarri è stimolante. Su Napoli – Lazio…”

Napoli, la conferenza stampa di Luciano Spalletti

“Questa è una rosa di primo livello ed è una situazione diversa dall’anno scorso. Attraverso le risposte che daremo in campo, capiremo anche che cammino vogliamo fare. Noi però non dobbiamo dimostrare niente, innervosirci o avere cose da ribaltare, dobbiamo lavorare ogni giorno in maniera seria, quella è la soluzione. Bisogna arrivare a un livello più alto di quello precedente. In tutto questo, con lo Spartak Mosca abbiamo preso goal dopo 30 secondi e il primo che deve farsi un esame di coscienza sono io. Serve responsabilità”.

La commemorazione di Maradona

Maradona è sempre nei pensieri dei calciatori, tanti vorrebbero emularlo. Le canzoni a lui dedicate sono venute fuori già durante i nostri due ritiri estivi. Ho detto delle cose di Maradona in un’intervista al Mattino, non importa sapere se sia stato un buono o cattivo esempio o se sia stato il più forte di tutti i tempi: basta vedere l’imbarazzo che ha lasciato quando se n’è andato via. E’ stato uno smarrimento totale mai visto nella storia del calcio. Per quanto mi riguarda, è stato il più grande di tutti”.

Il mancato saluto all’allenatore dello Spartak Mosca

“Vedo questa passione nel voler farmi cambiare. Ma io non ci tengo, mia mamma a 90 anni mi dice non cambiare. In Russia ci sono stato, ci sono persone vere che hanno un comportamento serio. Ci sono società serie, che sanno stare nel calcio europeo, e poi c’è lo Spartak Mosca che può fare ciò che gli pare: è diverso dalle altre. A chi non mi saluta correttamente ad inizio partita, le offese si fanno di persone e non dai tweet o nelle conferenze. Si fa come ho fatto io, di persona, ma interessa ad alcuni per dire che sono nervoso o altro, mentre ad altri non interessa che i giocatori dell’Inter mi hanno abbracciato alla fine. Quello non è interessato a nessuno”.

Le condizione di Insigne e Fabian Ruiz

“Sono a disposizione, hanno svolto l’intera seduta in gruppo, con grande intensità e sono pronti per partire dall’inizio”.

Sull’assenza di Osimhen

“E’ un giocatore unico, ha tutte le qualità, caratteristiche, è completo, deve migliorare e raffinare la tecnica, ma poi le altre ce l’ha tutte, è difficile trovarne altri. Mertens tecnicamente e nel posizionamento non sbaglia, ma se deve fare uno strappo di 70 metri o saltare di testa e tenere palla è diverso. Tuttavia se gli capita una palla e tira la mette dove vuole. Si perdono delle caratteristiche, se ne prendono altre. Ciò che conta è essere al top per ciò che abbiamo in campo. Petagna ne ha altre ancora, siamo assortiti bene, per ora si lavora correttamente restando tranquilli”.

Su Sarri

“Che avversario è? “Difficile. Qui l’hanno visto come organizza il gioco collettivo, tenendo la squadra corta, con la ragnatela di passaggi stretti e la percezione di dove si può far male. Loro stanno anche bene per come si sono mostrati in settimana e sarà una partita vera, di livello”.

Mertens invenzione di Sarri

“Non ha tanti problemi nella confidenza con la porta, è uno di quelli che sa fare il ruolo del 4-2-3-0, cioè l’attaccante che c’è o non c’è, che vedi e poi non lo trovi, funziona così. Altri hanno caratteristiche che tocchi, ti danno riferimento. Mi sono divertito quando un attaccante con caratteristiche diverse, tipo chiedono al centrale difensivo chi ti piacerebbe marcare e loro dicono quello più visibile e grosso e piace meno marcare invece quello piccolino, poi è chiaro va costruito sulle caratteristiche, quello grosso quando pressi bene se gliela butta lui la controlla e partono tutti, sono situazioni diverse e tutte e due redditizie se le fai funzionare”.

Le condizioni di Demme

“Sta bene. E’ stato a casa, noi lo teniamo in grande considerazione perché è uno che conosce la materia del centrocampo e può fare più cose”.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Lazionews.eu è una testata giornalistica Iscritta al ROC Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 137 del 24-08-2017 Società editrice MANO WEB Srls P.IVA 13298571004 - Tutti i diritti riservati