Tempo di lettura: 2 minuti

REINA LAZIO CONFERENZA STAMPA – Pepe Reina è un nuovo giocatore della Lazio. Classe 1982, il portiere ha firmato un biennale con la formazione biancoceleste. L’ex Milan, già protagonista nel ritiro di Auronzo di Cadore con un rigore neutralizzato nell’amichevole con il Padova, è pronto a dare il suo contributo in termini di qualità ed esperienza, nell’anno del ritorno in Champions League. Pepe Reina è intervenuto oggi in conferenza stampa per presentarsi ufficialmente al mondo Lazio.

Tare presenta Pepe Reina

“Presentiamo il nostro vecchio e caro amico Reina. Per tanti anni Pepe è stato un avversario, ora le nostre strade si sono finalmente incrociate. E’ un acquisto importante per il suo modo di stare dentro e fuori dal campo, porta esperienza. Sarà un valore aggiunto per la Lazio nei prossimi anni”.

Lazio, la conferenza stampa di Pepe Reina

“Sono felice di essere alla Lazio e far parte di questo progetto. Cercherò di far crescere questo club che è già una realtà importante del nostro calcio. Ora vogliamo diventare grandi anche in Europa. Dobbiamo essere pronti per la Champions League. So che a tanti questa competizione dà grinta, il nostro percorso più diretto però è mantenere alto il livello in Serie A. Abbiamo l’obiettivo di vincere il campionato”.

Gli obiettivi personali di Reina

“Ho ancora parecchie cose da raggiungere. Ho vinto tanto a livello di Nazionale, avendo avuto la fortuna di condividere i miei tempi con una generazione straordinaria. Mi manca qualcosa a livello di club, ho fame e farò di tutto per far sì che questa squadra si migliori ulteriormente. Voglio una Champions League e uno scudetto da protagonista”.

Il ruolo alla Lazio

Donnarumma al Milan è cresciuto negli ultimi due o tre anni, qui proverò a fare lo stesso con Strakosha. Farò il mio meglio per spingere al massimo Thomas ed essere poi pronto quando la squadra avrà bisogno di me. Strakosha sta facendo bene da quattro o cinque anni, lo rispetto. E’ il presente e futuro di questo club, io farò di tutto per giocare il maggior numero di partite possibile”.

La decisione di venire alla Lazio

“Il primo che mi ha parlato di Lazio è stato Lucas Biglia, per primo mi ha parlato bene di questa società. Poi Leiva e Luis Alberto mi hanno parlato degli obiettivi e dell’ambiente. Ma la chiamata del mister è stata quella che mi ha convinto di più. Il gruppo è sano, lavora bene, ci sono automatismi importanti. Bisogna crescere di mentalità ed essere protagonisti”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.