lazionews.eu-mattia-perin-genoa
Foto LaPresse - Tano Pecoraro
Tempo di lettura: < 1 minuto

CORONAVIRUS GENOA PERIN – La Serie A è alle prese con un numero crescente di casi di Coronavirus. I tamponi effettuati ciclicamente da ogni società permettono un controllo continuo degli staff. La prima bolla di positività è scoppiata nel Genoa, alla vigilia del match di campionato contro il Napoli dello scorso 27 settembre. Nei giorni successivi sono emersi ben 22 casi tra i rossoblù. Alcuni, per fortuna, si sono lasciati il male alle spalle, come Mattia Perin. Il portiere, primo ad ammalarsi, ha rilasciato una lunga intervista a La Repubblica nella quale ha parlato delle conseguenze del virus sul calcio italiano.

Mattia Perin sul contagio

“Era la settimana prima di Napoli-Genoa. Il 21 settembre mi recai a Torino per rivedere mia moglie e i miei bambini, era un lunedì. Al contrario di quanto è stato detto non esiste alcuna evidenza che io abbia contratto il Coronavirus proprio quel giorno. Il risultato del tampone arrivò il giovedì mattina, tutto okay. Ma la sera avevo la febbre”.

Il Coronavirus in Serie A

“Genoa responsabile dei casi in Serie A? E perché? Questa è una malattia subdola, la puoi prendere in taxi oppure schiacciando il bottone di un ascensore. Nella mia famiglia sono tutti negativi. E sia chiaro che il caos di Juve-Napoli non è iniziato per colpa del Genoa. Noi calciatori siamo molto scrupolosi, nel mondo del pallone non c’è superficialità”.

Perin sul Coronavirus

“Resto convinto che tutto sia nato in laboratorio e non dalla trasmissione animale. Negazionisti? E’ gente senza coscienza. Paura? Noi atleti siamo un po’ tutti ipocondriaci, il corpo è il nostro strumento di lavoro e lo vogliamo tarato sempre alla perfezione. Ma se un infortunio lo metti in conto, per le malattie è diverso. E questa è differente da tutte. Infida, come ogni nemico sconosciuto”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.