Tempo di lettura: 2 minuti

GABRIELE SANDRI FRATELLO – Era l’undici novembre 2007 quando, in un’autogrill di Badia al Pino, lungo l’autostrada A1 in direzione Firenze, un accenno di rissa tra sostenitori juventini e laziali si trasforma in tragedia. Un agente di Polizia spara uno, forse due colpi di pistola a grande distanza: muore un giovane ragazzo. Gabriele Sandri, 26 anni, supporter della Lazio, noto dj dei locali romani e titolare di un negozio di abbigliamento, colpito al collo mente si trova all’interno di una Renault Megane. Oggi, a distanza di quasi dieci anni, il fratello della vittima, Cristiano, è tornato a parlare sulle pagine de Il Messaggero.

GABRIELE – “Gabri, io lo chiamavo così, aveva un cuore d’oro. Era un ragazzo eccezionale. Molto corretto, il primo a sacrificarsi per gli amici. Basta guardare le sue foto: se gli occhi sono lo specchio dell’anima ecco, direi che gli rendono onore”.

I FATTI – “Chi mi chiamò per primo? Luigi, che era lì. Mi disse: è successo qualcosa a Gabbo, vieni ad Arezzo accompagnato. Io pensai a un incidente stradale, perché lo avevo salutato la sera prima e sapevo che andava in auto a Milano.Mi accompagnò Michele, che oggi è il padrino di mio figlio.Mi disse subito: hai sentito, hanno sparato a un tifoso della Lazio. A quel punto capii tutto. Durante il tragitto in auto, sapevo che non avrei dovuto accendere la radio, ma la tentazione fu troppa. Arrivai ad Arezzo che già sapevo della sua morte. La macchina circondata dal nastro. Il foro del proiettile sul vetro”.

REAZIONI – “Dovetti chiamarli io, dalla macchina. Ancora ricordo l’urlo di papà. Di mamma neanche le dico. Mio figlio di chiama Gabriele? Sì, anche se a posteriori sto capendo la portata della vicenda. Lui sarà un altro Gabriele Sandri. Ma evidentemente c’era un filo che li univa. Sono talmente orgoglioso di lui e di mio fratello: ancora non sa bene cosa è successo allo zio, anche se a scuola qualcosa inizia a capire. A lui, e alla sorella Greta che ha 5 anni, nel tempo spiegherò tutto”.

SOSTEGNO – “Chi ci è stato più vicino? So che sarà difficile credermi, ma proprio le amicizie nate allo stadio, salvo rare eccezioni. Non ci hanno mai lasciati soli. Sfido chiunque a dire che ogni manifestazione che è stata fatta per Gabbo negli anni dopo, sia stata violenta. Sempre nel segno della civiltà. Ringrazio ogni persona che non ha macchiato la memoria di mio fratello».

SPACCAROTELLA –  “La cosa che mi ha colpito di più è stata la mancanza di qualsiasi rimorso. Non so se in questi anni abbia avuto una coscienza. O abbia avuto modo di capire il danno che ha causato. So che non voleva colpire Gabriele, ma ha sparato verso l’auto. Oltre ad aver tolto la vita a un ragazzo di 26 anni, ha tolto la serenità a una bella famiglia. Non ho mai avuto modo di sentirlo. Si è spesso parlato di una fantomatica lettera da lui spedita, che si sarebbe persa. Ma a noi non è mai arrivato nulla. E comunque spedirne un’altra sarebbe stato semplice”.

L’ANNIVERSARIO DELLA MORTE – “Cosa faremo? Noi la messa a San Pio X alle ore 17, come ogni anno. La cosa bella però è che molti amici e tifosi, anche di altre squadre, andranno sotto la Curva Nord a ricordarlo. Un luogo simbolico, a lui molto caro”.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.
La nostra redazione nasce nel 2011, per la grande immensa passione per la Lazio che ci ha sempre guidato dalla nascita. Il nostro obiettivo è quello di rendere l'informazione biancoceleste libera da ogni tipo di commento e di opinione personale. A noi piace fare i 'cronisti', raccontare quello che vediamo, quello che ci viene detto attraverso le nostre esclusive, approfondire ogni tematica riguardante la prima squadra della Capitale. Il nostro slogan? "Lazionews.eu: la tua Lazio, in tempo reale". FORZA LAZIO!!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.