ACCADDE OGGI – Torna la rubrica di Lazionews.eu in cui vi raccontiamo giorno per giorno gli eventi della storia biancoceleste e non solo…
LAZIO – 9 maggio 1976. All’Olimpico, la Lazio accoglie il Milan per la ventinovesima giornata di campionato. Davanti a 55.000 spettatori, i biancocelesti devono vincere con più reti possibile, sperando anche nei risultati dagli altri campi, per far sì che la salvezza possa diventare concreta. Maestrelli, per compiere il miracolo, mette in campo i suoi uomini migliori, che passano subito in vantaggio al 10′ con D’Amico che dal dischetto non sbaglia. Al 38′ raddoppia Giordano, seguito al 60′ da Garlaschelli e all’89’ da Badiani. La Lazio, in casa, alla fine annienta i rossoneri: per un attimo sembra essere tornati al campionato di due anni prima, quando la squadra romana dominava su tutte. Oggi la situazione è ben diversa, ma la gara resta comunque un’impresa: la classifica vede il Verona a 23 punti, Lazio, Ascoli e Sampdoria a 22, il Como a 20 ed il Cagliari a 17. Per le aquile si prevede un’altra battaglia: ma ora hanno qualche speranza in più.
SPORT – 9 maggio 1957. A Roma nasce Claudio Lotito, imprenditore italiano e presidente della Lazio dal 19 luglio del 2004. Dal 26 luglio 2011 è anche proprietario, in società con Marco Mezzaroma, della Salernitana, squadra che milita in Serie B. Il patron biancoceleste nel 2015 si è aggiudicato il premio Financial Fair Play indetto dall’Associazione Italiana Allenatori Calcio per la gestione del bilancio economico della società capitolina. “La Lazio era una società che fatturava 84 milioni, ne perdeva 86,5 e aveva 550 milioni di rosso. Sollecitato ad acquisirla, tutti pensavano che fossi un pazzo mentre io l’ho considerata una sfida estrema, al limite”, dirà poi Lotito.
STORIA – 9 maggio 1978. A Roma, nel cofano di una Renault rossa viene ritrovato il cadavere di Aldo Moro, leader della DC ucciso dalle Brigate Rosse dopo 55 giorni di prigionia: ancora oggi, le dinamiche del rapimento e della morte restano un mistero. Contestualmente, a Cinisi – in Sicilia – viene trovato morto il giornalista ed attivista Giuseppe Impastato, membro di Democrazia Proletaria e noto per le sue denunce contro le attività di Cosa Nostra.
A.M.
Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.