EX LAZIO INTERVISTA ANDERSON – Felipe Anderson non ha dimenticato la Lazio. Dopo il sofferto addio in estate, destinazione West Ham, il brasiliano ha continuato a mantenere i contatti con l’ambiente biancoceleste e con i suoi ex compagni. Un talento puro che l’Europa ha imparato a conoscere nei cinque anni passati a Roma: 177 presenze e 34 gol con l’aquila sul petto e tante giocate che i tifosi difficilmente dimenticheranno. Felipe, in un’intervista rilasciata al Correio Braziliense ha parlato del suo momento in Premier ma anche del proprio recente passato.

LAZIO – “Questa è la mia miglior stagione in carriera, come quella con la Lazio nel 2014-15. Quell’anno nella prima parte avevo avuto alcuni problemi fisici che mi impedirono di dare il massimo. Fortunatamente sparirono nella seconda parte e andò tutto bene. Il fattore fisico è molto importante. In Inghilterra si gioca un calcio più rapido, c’è più dinamismo che esalta le mie caratteristiche. In Italia c’è invece più tattica e si lavora molto anche sulla difesa. Grazie alla Lazio e alla Serie A sono cresciuto molto”.

STOP 2017 – “Quello avuto lo scorso anno è stato un problema muscolare serio, che mi ha tenuto fuori per molti mesi. Grazie al lavoro del dottor Paulo Lobo e ai medici della Lazio sono potuto rientrare a fine 2017. Paulo lo avevamo conosciuto io e mia sorella a Brasilia”.

TRASFERIMENTO – “Il mio passaggio al West Ham è successo all’improvviso. Il mio nome era già stato associato ad alcune squadre, ma non pensavo che sarebbero poi arrivate le offerte giuste. Sono molto felice, gioco in un campionato meraviglioso che ho sempre sognato. Gli stadi sono meravigliosi e sempre pieni, c’è un ambiente fantastico. Sono felicissimo di essere qui. L’interesse del Manchester United nell’estate 2015? Non ho mai parlato con nessuno, ho sempre pensato solo al campo. Se non sono andato allo United è stato perché il club non ha trovato l’accordo con la Lazio”.

VITA A LONDRA – “Sto facendo il mio lavoro in modo tranquillo e positivo. E’ il sogno di tutti giocare nel Brasile, se continuerò così sono sicuro che la chiamata arriverà di conseguenza. Roma o Londra? Mi piacciono entrambe. Vivere a Roma è stato meraviglioso, ho ancora tanti amici lì. Con Londra è stato amore a prima vista, è un luogo incantevole. In passato ero venuto qualche giorno in vacanza e quando dovevo andare via mi promettevo che un giorno ci avrei vissuto”.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.