CALCIOMERCATO

Alia: “C’è tanto da lavorare. Futuro? Giusto andare in prestito”

- Advertisement -
Tempo di lettura: 2 minuti

MARCO ALIA LAZIO – Dopo l’allenamento mattutino del ritiro di Auronzo di Cadore, Marco Alia è intervenuto alla radio ufficiale biancoceleste. Il giovane portiere ha parlato della nuova stagione e del futuro.  

Marco Alia alla radio ufficiale biancoceleste

“Come ogni ritiro c’è tanto da lavorare. Quest’anno soprattutto. Con il mister nuovo ci sono nuove cose da apprendere. Sta andando bene”.

Allenamento con il gruppo

“Quello che si fa con il mister dei portieri è sicuramente importante, ma sono utili soprattutto le situazioni di gioco che facciamo con attaccanti e centrocampisti”.

Attaccanti vs Portieri

“Ogni tanto ci prendiamo qualche soddisfazione anche noi. Spesso veniamo attaccati dopo ogni gol subito, ma stavolta abbiamo vinto noi”.

Su Nenci

“E una persona nuova che può dare delle nozioni nuove. Ha tanta esperienza. Il lavoro resta più o meno sempre lo stesso che abbiamo fatto negli scorsi anni. Il suo arrivo ha portato sicuramente qualcosa di nuovo”.

Su Grigioni

“La linea guida che stiamo seguendo è sempre quella. Sappiamo che tipo di lavoro dobbiamo svolgere. E’ uno molto serio, spesso siamo noi portieri a smorzare i toni”.

La crescita

 “Sono migliorato al livello tecnico allenandomi con giocatori di altissimo livello. Ma sono cresciuto di più sull’aspetto mentale. Entri in uno spogliatoio con gente grande in cui devi rispettare determinate regole. È una cosa che mi aiuterà molto per il futuro. Sono nel mondo dei grandi, prima ci si arriva è meglio è”.

Gli altri portieri

“Sono tutti ragazzi umili prima di tutto. Per restare a questi livelli devi lavorare tanto. Reina e Strakosha mi hanno dato tantissimo. Adamonis è il mio compagno di stanza e ci parlo più di tutti. Anche con Thomas ho un rapporto speciale, tra l’altro siamo connazionali. Pepe è un ragazzo d’oro. Scherziamo e ridiamo insieme tutti quanti. Ci incoraggiano anche a vicenda. Furlanetto l’ho conosciuto in Primavera, so che ha avuto un infortunio e spero possa recuperare presto”.

Sul futuro

“Devo capire che cosa farò. Dopo un anno qui è giusto andare in prestito per giocare e mostrare le mie potenzialità. Ovunque andrò spero di far bene per tornare qui e giocarmi tutte le mie carte con la Lazio”.

La linea a 4

“Gli scorsi anni cercavamo di più l’imbucata interna verso i centrocampisti. Quest’anno si cercano di più centrali e terzini, è una giocata un po’ più tranquilla”

Gioco con i piedi

“Ormai si vede prima se un portiere è bravo con i piedi che se sa parare. È diventato un aspetto fondamentale per noi portieri. C’è sempre da migliorare. La base c’è, ma bisogna lavorarci tantissimo. C’è sempre da fare qualcosa di nuovo”.

- Advertisement -© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

Latest Posts

APPROFONDIMENTI