Restiamo in contatto

INTERVISTE

Ballotta: “Lotito sempre in guerra con tutti. Un giorno fece tre ore di ritardo, me ne andai”

Pubblicato

il

LAZIONEWS-LAZIO-BALLOTTA
Tempo di lettura: < 1 minuto

LAZIO BALLOTTA – In una intervista video su Gazzetta.it, l’ex portiere della Lazio Marco Ballotta ha parlato del suo rapporto col presidente biancoceleste Claudio Lotito.

Lazio, Ballotta parla di Lotito

“Non l’ho mai visto un attimo tranquillo, sempre a litigare con qualcuno. Giusto quando veniva a Formello, capitava che si rilassava e si addormentava sul divano, in ritiro. Difetta un po’ nella puntualità. Ero a Milano, mi chiamano, c’era lui con due telefoni. Il mercoledì andai a Roma, alle 17 sono all’appuntamento. Alle 18.30 me ne tornai a casa. Lotito mi chiamò alle 20 chiedendomi dove fossi. “Presidente, io sono a Bologna. Ci dovevamo vedere alle 17, sono le 20, mi sembra poco serio. Quindi arrivederci e grazie”. Lui mi rispose: “Come ti permetti, torna domani”. Tornai il giorno, però alle 17 mi chiamò e mi disse che sarebbe arrivato in ritardo. Ce l’ha di prassi di far aspettare. Non ce la fa, è più forte di lui. È in guerra da 16 anni, la polemica è all’ordine del giorno. Però devo dire, e gliene devo dare atto, ha risanato la società, riesce a valorizzare i giocatori e a ottenere i risultati in campo. Aveva un’idea in testa, ci ha creduto e adesso si stanno vedendo i risultati. Ha questo tipo di carattere, è sempre in battaglia, ce l’ha con il mondo. È un suo modo, è la sua persona che è fatta così”.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *