Caso tamponi, dirigente Asl Roma: "Mai data alcuna autorizzazione"

Pubblicato 
venerdì, 19/03/2021
Di
Daniele Izzo
lazionews-lazio-torino-lazio-akpa-apro-sirigu-gol-lazio
Tempo di lettura: < 1 minuto

CASO TAMPONI INTERVISTA DE ROSA TORINO LAZIO - Il caso tamponi che ha investito la Lazio continua a correre parallelamente al campo. La prima udienza del processo è stata rinviata al 26 marzo. Per il club capitolino, quindi, questi sono giorni di programmazione strategica. Tra le strade difensive percorribili nelle ultime ore è filtrata la possibile richiesta di audizione per Enrico De Rosa, direttore del Servizio Igiene e Sanità Pubblica della Asl Roma. Raggiunto da La Gazzetta dello Sport, però, il medico si è detto stranito della possibile scelta e ha chiarito la sua posizione riguardo la presunta autorizzazione a far partire Ciro Immobile per la trasferta di Torino.

Partenza Immobile, le dichiarazioni di De Rosa

"Io non ho mai dato alcuna autorizzazione. Non l'ho data, ne avrei potuto darla, visto che appartengo alla Asl 1 e la Lazio a quella Roma 4. Asl 1 competente per Immobile? Io questo non posso saperlo, non ho mai ricevuto una documentazione sul giocatore, quindi non avrei potuto comunque esprimermi".

Sul fatto di essere un possibile testimone

"Io non ho mai parlato con nessuno, tanto che con la Asl stiamo valutando anche se sia il caso di fare una comunicazione per chiarire la situazione".

Rapporti con medici e presidente della Lazio

"Ho parlato di recente con Ivo Pulcini, ma perché lo conosco da molti anni. Tempo fa anche con Lotito ma per altre questioni".

, ,
Non perdiamoci di vista, seguici!
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram