lazionews-stadio-olimpico-lazio-roma-spalti-vuoti-interno-vuoto
LaPresse
Tempo di lettura: < 1 minuto

GIANNI NANNI SERIE A LAZIO TORINO CORONAVIRUS INTERVISTA – Gianni Nanni, medico sociale del Bologna e membro della Commissione medica della Figc, ha rilasciato alcune dichiarazioni a Radio Punto Nuovo. Argomento dell’intervento, la complicata situazione di Lazio – Torino e l’auspicabile aggiornamento del protocollo a seguito della diffusione della varianti.

Lazio – Torino, le dichiarazioni di Nanni

“Il problema è che è una partita infrasettimanale. È molto vicina a quando è scoppiato il focolaio. Il Torino ha rimandato la partita con Sassuolo cinque giorni prima ed è difficile che i calciatori positivi possano recuperare. Il problema è che l’ASL ha ritenuto che anche i negativi potessero essere un rischio per la società. C’è un regolamento e il regolamento purtroppo non prevede questo, prevede che tu vada con tutti i negativi a fare la partita. Il focolaio è di variante inglese e sappiamo tutti che è la responsabile principale dei positivi che abbiamo”.

Sulla possibilità di posticipare la partita ad oggi

“L’ordine era fino alla mezzanotte di oggi. Quindi giocando oggi, probabilmente avrebbero potuto scendere in campo. Potevano rinviare la partita ad oggi? Non chiedetelo a me. Io mi fermo sugli argomenti medici. Non spettano a me tali scelte”.

Un protocollo da aggiornare

“Protocollo da aggiornare? In alcune parti sì. Bisogna aggiornarlo. Da quando è stato fatto ad oggi, sono capitati casi che meritano attenzione. È chiaro che sostanzialmente non verrà modificato nelle parti principali”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.