Tempo di lettura: < 1 minuto

PRADE LAZIO FIORENTINA INTERVISTA – Il direttore sportivo della Fiorentina Daniele Pradè ha parlato ai microfoni di Dazn. Il dirigente viola ha analizzato la sconfitta subita dalla sua squadra per 2 a 1, soffermandosi sul calcio di rigore assegnato alla Lazio che ha cambiato il volto della gara. Di seguito le sue parole.

Pradè sull’arbitraggio

“Faccio i complimenti ai ragazzi che hanno fatto una buona gara. Partita determinata dagli episodi. Manca un’espulsione su Bastos, il rigore secondo noi non doveva essere dato, e poi manca anche un penalty su Ribery. Ci sono state situazioni che ci hanno penalizzato fortemente. Esci senza un punto e tutte le partite sono difficili, sei invischiato in una zona che non meriti, i giocatori si deprimono. Rigore? Va giù prima, non capisco perché non sia andato a rivederlo. Caicedo furbo a cercarlo, è in caduta già prima che Dragowski arrivi. C’è amarezza, anche per dare qualcosa ai ragazzi. Non meritavano proprio di perdere. Chi dorme stanotte, nessuno. Abbiamo fatto una buonissima partita, è un peccato che gli episodi determino la gara intera. Uscire da qui con la vittoria o con un punto sarebbe stato importante. Episodi dubbi che ci hanno fatto perdere la partita, non bisogna girarci attorno”.

Pradè: “Ribery campione assoluto”

Ribery? È un campione in tutto, nei comportamenti, negli atteggiamenti. È un anno di crescita e lui in questo è determinante. Siamo in una situazione difficile, e questo dispiace. Sarebbe stato utile ottenere un risultato positivo qui a Roma. Rigore su Ribery? Dubbio, almeno da andare a rivedere. Questo è il mio pensiero da dirigente, da una persona che si occupa di calcio da anni”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.