ERNESTO-CALISTI
ERNESTO-CALISTI
Tempo di lettura: < 1 minuto

LAZIO JUVENTUS CALISTI – Ha giocato nella Lazio per tre stagioni, dal 1984 al 1987. Ernesto Calisti, protagonista di 48 presenze in maglia biancoceleste è intervenuto ai microfoni di tuttomercatoweb.com per presentare il prossimo match di campionato che attende l’undici di Simone Inzaghi, contro la Juventus.

Calisti analizza Zenit Lazio

“Il pareggio contro lo Zenit è un buon risultato per la Lazio anche perchè in generale non è un periodo semplicissimo. Dopo un primo tempo di sofferenza, Simone Inzaghi è stato bravo a trovare un equilibrio. C’è stata grande compattezza, i giocatori si aiutano l’un con l’altro nelle difficoltà. Questo è un gran merito del gruppo e del tecnico”.

Calisti su Caicedo

“Nella partita contro lo Zenit con Caicedo è stata tenuta palla e si è riusciti a fraseggiare meglio. L’attaccante è sempre decisivo: lo abbiamo criticato molto all’inizio e invece adesso è l’uomo della provvidenza. Entra, segna, in area è scaltro, è una volpe, e poi sa lavorare per la squadra, al contrario di Muriqi da cui ci si aspetta di più anche se è ancora presto per giudicarlo. Alla fine è stato un bel colpo trattenere Caicedo”.

Lazio Juventus

“Se la Lazio fosse al completo, la squadra sarebbe forte. L’assenza di Luis Alberto è pesante perchè lo spagnolo è troppo importante. I ritorni di Leiva, Lazzari, Immobile e Strakosha sarebbero fondamentali. Il morale è alto e se la può giocare. Questo pari con lo Zenit dà forza. La Juve non è ancora al top, la rosa è straordinaria, ma è Cristiano Ronaldo dipendente e questo un piccolo handicap per i bianconeri”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.