lazionews-lazio-milan-biglia-lucas
Getty Images
Tempo di lettura: < 1 minuto

CORONAVIRUS MILAN BIGLIA – L’emergenza Coronavirus è in piena fase di sviluppo. In Italia e, ormai, in tutto il mondo. Nel nostro Paese ci si chiede se le misure di sicurezza adottate dal Governo siano state, ad oggi, sufficienti e tempestive. Nel mondo del calcio c’è ancora tanta incertezza. Lucas Biglia, ex giocatore della Lazio ed attualmente centrocampista del Milan, ha riscontrato troppa sufficienza nell’affrontare l’epidemia. Questo il suo pensiero, rilasciato ai microfoni della CNN.

Coronavirus, le parole di Lucas Biglia

“In Italia hanno sottovalutato il problema, non hanno seguito le regole. Siamo arrivati al collasso, i medici lavorano senza sosta. Muore la gente col virus, ma anche persone con altre patologie che non possono avere assistenza. Preferisco perdere la categoria che la vita. I giocatori devono dire che il calcio va fermato perché non siamo immuni, non siamo supereroi”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.