Tempo di lettura: < 1 minuto

MUZZI LAZIO – Nella storia del calcio italiano sono pochi i calciatori che possono vantare di aver vestito le maglie sia della Roma che della Lazio. L’accesa rivalità tra i due club, infatti, ha sempre reso difficile qualsiasi trattativa di mercato. C’è, però, chi è riuscito a militare per entrambi i club lasciando un ricordo positivo in entrambe le tifoserie: Roberto Muzzi. L’ex attaccante è cresciuto nel vivaio giallorosso per poi giocare in biancoceleste tra il 2003 ed il 2005, mettendo a segno 11 gol in 61 presenze. Intervistato da Gazzetta Regionale, l’ex bomber ha rinnovato la sua fede laziale, mai tramontata.

Muzzi e la Lazio

“La Lazio è stata la squadra che ho amato sin da bambino e per la quale faccio il tifo anche oggi. La fede va oltre il calcio, che è sempre una passione, poi diventata di fatto un lavoro. È anche vero, però, che calcisticamente devo tutto a Roma e Cagliari, le due squadre che mi hanno permesso di migliorare e crescere. Sinceramente non ho mai avuto problemi con i tifosi romanisti, si sapeva che io fossi laziale ma quando in campo dai il 100% nessuno ti può rimproverare nulla. Se sono diventato un calciatore di Serie A lo devo soprattutto alla Roma”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.
La nostra redazione nasce nel 2011, per la grande immensa passione per la Lazio che ci ha sempre guidato dalla nascita. Il nostro obiettivo è quello di rendere l'informazione biancoceleste libera da ogni tipo di commento e di opinione personale. A noi piace fare i 'cronisti', raccontare quello che vediamo, quello che ci viene detto attraverso le nostre esclusive, approfondire ogni tematica riguardante la prima squadra della Capitale. Il nostro slogan? "Lazionews.eu: la tua Lazio, in tempo reale". FORZA LAZIO!!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.