Restiamo in contatto

EUROPA LEAGUE

Sarri: “Abbiamo fatto passi avanti nonostante la sconfitta”

Pubblicato

il

lazionews-lazio-spezia-sarri-maurizio
Tempo di lettura: 2 minuti

LAZIO INTERVISTA SARRI – Stop alla contesa. Galatasaray – Lazio è terminata sul risultato di 1 a 0 per i turchi. Poco dopo la fine dell’incontro, Maurizio Sarri è intervenuto ai microfoni di Sky e della radio ufficiale biancoceleste per analizzare le tematiche dell’esordio biancoceleste in Europa League.

Intervista Sarri: sulla gara

“Penso che abbiamo fatto un passo in avanti, è stata fatta una partita diversa da domenica su un campo difficile contro una squadra pericolosa e non abbiamo mai sofferto. La gara era sotto controllo poi purtroppo gli errori fanno parte di questo sport e stasera lo abbiamo pagato”.

Sull’Europa League

“All’Europa League ci teniamo. In questo momento non possiamo cambiare 8 giocatori per una partita, ne abbiamo cambiati 4 e alternato durante la partita le varie risorse, da questo punto di vista va bene e i nuovi hanno fatto discretamente bene: Zaccagni ha fatto un’ottima partita e Basic ha fatto un buon ingresso. Dispiace per la sconfitta perché adesso il percorso è in salita, ma dobbiamo vedere oltre il risultato”.

Su cosa c’è da migliorare

“Ho visto anche che alcuni problemi non sono risolti, abbiamo problemi di tempi e distanze e sulle trasmissioni di palla possiamo soffrire. E’ questione di centimetri e secondi ma che poi fanno la differenza”.

Sulle differenze rispetto alla gara col Milan

“Siamo stati molto più corti e stretti. Abbiamo preso molti palloni tra le linee e subito meno ripartenze. Abbiamo concesso poco. Dobbiamo però migliorare la pericolosità. Io, comunque, in questa partita vedo dei passi in avanti. Non mi posso far condizionare da un risultato fortuito”.

Sulla produzione offensiva

“Ci manca ancora qualcosa, è vero. Andiamo ad attaccare gli spazi troppo poco: solo Immobile è andato in profondità. Gli esterni possono muoversi di più senza palla e attaccare di più gli spazi senza palla”.

Sul lavoro da fare

“C’è da lavorare solo sui riposi. Si parla di lavoro, ma in realtà nessuno lavora perché quando ti impongono un calendario come questo il lavoro viene sempre meno”.

Su Pedro

“Pedro, nonostante abbia fatto 25 minuti, è quello che è andato più alla conclusione. E’ un giocatore bello, brillante, tecnico, che però va tenuto su questi livelli senza spremerlo più di tanto”.

LEGGI ANCHE –> Rivivi il live di Galatasaray – Lazio

LEGGI ANCHE –> Classifica Europa League 2021-2022 – Gruppo E

Continue Reading
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.