Stendardo: "La Lazio ha fatto ciò che doveva, ma..."

Pubblicato 
lunedì, 28/02/2022
Di
Daniele Izzo
lazionews-lazio-stendardo.jpg
Tempo di lettura: 2 minuti

LAZIO INTERVISTA STENDANRDO - Il big match della 27° giornata tra Lazio e Napoli è andato in archivio sul risultato di 1-2. A decidere l'incontro due magie di Insigne e Fabian Ruiz che hanno vanificato la rete altrettanto bella di Pedro. Di questo e di molto altro - raggiunto dai microfoni della radio ufficiale biancoceleste - ha parlato Guglielmo Stendardo. Di seguito le sue parole.

Lazio - Napoli, parola a Stendardo

"La partita è stata equilibrata: meglio i biancocelesti nel primo tempo, poi il Napoli ha sfruttato le poche occasioni concesse, essendo più cinico. La Lazio ha fatto quello che doveva fare, ma è stata leziosa e non ha sfruttato quanto creato. I maggiori rischi ci sono stati in fase d'impostazione, con la costruzione dal basso. I partenopei hanno saputo aspettare e hanno aspettato il momento giusto per colpire. La Lazio, rispetto all'andata che è stata a senso unico, è migliorata nella fase difensiva. Osimhen ha fatto poco rispetto a quanto siamo abituati, è stato ben marcato. I problemi si sono creati quando Insigne ha giocato di più tra le linee. La partita sarebbe potuta finire tranquillamente in pareggio, gli episodi hanno fatto la differenza".

La nuova Lazio di Sarri

"La mano di Sarri sulla squadra si vede, i tifosi è giusto che siano arrabbiati per il risultato. Il Napoli è una squadra forte. Nelle prossime tre gare, con questo atteggiamento, i biancocelesti le possono vincere tutte, derby compreso. Serve più cinismo sotto porta, gli ultimi 20/25 metri. Luis Alberto e Immobile ieri sono stati sfortunati e imprecisi. Ci sono tutte le carte per ripartire bene. L'aspetto mentale è fondamentale. Credo occorra la continuità che finora è mancata. In alcuni momenti si perde la concentrazione e si vanificano tutti gli sforzi fatti in settimana. Contro squadre di un livello paro o superiore certi cali si pagano. Se si dovesse trovare il ritmo a livello motivazionale, la Lazio diventerebbe molto forte".

Crisi Ucraina ed esclusione dalle Coppe europee

"Vanno sempre rispettate le regole scritte prima della competizione. L'esclusione del club dall'Europa League è di natura più unica che rara. La priorità dev'essere escludere la guerra. Al momento ci interessa fino a un certo punto dello Spartak Mosca, è più importante mettere fine a ciò che sta succedendo. L'abbraccio tra Malinovskyi e Miranchuk è emblematico".

LEGGI ANCHE --> Abbiamo bisogno di te: collabora con la redazione di Lazionews.eu

, ,
Non perdiamoci di vista, seguici!
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram