lazionews-lazio-stendardo.jpg
LaPresse
Tempo di lettura: < 1 minuto

STENDARDO LAZIO – Guglielmo Stendardo, ex difensore classe 1981, ha vestito la maglia della Lazio per sei anni anche se in due esperienze distinte, dal 2005 al 2008 prima e dal 2009 al 2012 poi. Soprannominato ‘Willy’ dai tifosi, ha collezionato in tutto 85 presenze e 6 gol in biancoceleste. L’ex giocatore è intervenuto ai microfoni di TMW Radio per analizzare le mosse di mercato in via di definizione a Formello.

Stendardo sul calciomercato della Lazio

Muriqi e Fares sono due buoni acquisti che si inseriscono in un telaio collaudato e già competitivo del resto lo si è visto anche l’anno scorso. La Lazio giocando un bel calcio e guidata bene da Inzaghi, ha saputo mettere a lungo in difficoltà la Juventus. Ciò che deve fare adesso la Lazio è cercare di avere delle maggiori alternative. Alla fine l’anno scorso ha pagato la panchina un po’ corta. La società sa bene cosa fare, ho sempre detto che in una Lazio già competitiva l’importante è poter aggiungere in ogni reparto un tassello di qualità. Quando dico giocatori importanti mi riferisco a pedine che possano alzare il livello qualitativo della squadra e che possano essere un valore aggiunto. Ma è pur vero che è dura trovarne di migliori di quelli che ci sono tra i titolari della Lazio”.

La vicenda Acerbi

“Da fuori non conosco a fondo la vicenda, ma posso dire conoscendo bene Acerbi che si tratta di un ragazzo serio, che non salta un allenamento. E’ sempre disponibile, ha giocato tutte le partite e lo ha fatto anche quando non era al 100%. La Lazio sa perfettamente qual è il suo valore e io spero che resti a lungo”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.