lazionews-lazio-inzaghi-veron-tare-immobile
Getty Images
Tempo di lettura: 2 minuti

FATTI E PAROLE DEL GIORNO LAZIO – Giovedì 14 maggio, continua l’emergenza Coronavirus in Italia e nel mondo. (QUI TUTTI GLI AGGIORNAMENTI). In casa Lazio sono ripresi gli allenamenti, in forma individuale e senza contatti tra i giocatori. Dalle considerazioni sui capitolini, alle parole più rilevanti, andiamo a mettere ordine riassumendo, come sempre, tutte i fatti e le parole del giorno sulla Lazio.

Dal campo al calciomercato: la giornata in casa Lazio

La Lazio continua ad allenarsi a Formello in forma individuale, in attesa del ritorno alle sedute collettive in programma già da lunedì. Ai box il solo Vavro, con Leiva che continua il programma di riabilitazione dopo l’operazione al ginocchio dello scorso mese. Intanto la FIGC ha varato un nuovo protocollo per gli allenamenti. Il dottor Pulcini, responsabile medico biancoceleste, ha posto fine alle polemiche nate dopo una partita 3 vs 3 svoltasi sui campi di Formello: “Nessuna violazione delle norme, se fosse vero sarei pronto a dimettermi“. Dal terreno di gioco al mercato. Le notizie di oggi ci portano a parlare del reparto attaccanti. L’agente di Ciro Immobile ha confermato la volontà del giocatore di rimanere alla Lazio, nonostante il pressing del Napoli su di lui mentre il papà di Ianis Hagi, Gheorghe, assicura che il figlio è pronto per una big del calcio europeo.

Lazio, 20 anni dal secondo scudetto: emozioni e ricordi

Esattamente 20 anni fa, il 14 maggio 2000, la Lazio si laureava Campione d’Italia per la seconda volta nella sua storia. Una giornata pazzesca, vissuta allo stadio Olimpico da migliaia di tifosi biancocelesti sino alle 18:04. Artefici di quella strepitosa cavalcata furono innanzitutto il presidente, Sergio Cragnotti, e mister Eriksson. Il primo ha ammesso che quella rosa poteva vincere la Champions, mentre lo svedese ha tessuto le lodi di Simone Inzaghi. Ma sono tanti i campioni che hanno voluto celebrare questa giornata con parole emozionanti, da Simeone a Ravanelli, passando per Mancini, Stankovic e Lombardo.

I fatti e le parole del giorno

Il mondo del calcio si prepara a ripartire e i tifosi possono iniziare a segnare in rosso alcune date. Il 13 giugno ripartirà la Serie A: a dichiararlo è stato il presidente del CONI, Giovanni Malagò. Parole importanti, che confortano anche il ds Tare, polemico nei confronti del governo: “Ci stanno prendendo in giro“. Ma oggi le discussioni lasciano spazio ancora al ricordo dello scudetto. Mazzantini e Calori, decisivi con la maglia del Perugia nel battere la Juventus, hanno ricordato quel 14 maggio di venti anni fa, così come il radiocronista Riccardo Cucchi. Non servono parole, invece, ad Anna Falchi, immortalata sui social in tutta la sua bellezza. Così come venti anni fa. Vuoi risentire tutte le news della giornata? Clicca qui per ascoltare l’edizione odierna di “120 secondi di Lazio”, il tg radio di Lazionews.eu!

Marco Barbaliscia

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.