AVVERSARIA. Salisburgo, dai play-off al Borussia. E quei precedenti positivi con la Lazio

SALISBURGO EUROPA LEAGUE AVVERSARIA – Sarà Lazio-Salisburgo il quarto di finale tutto da seguire, che potrebbe regalare ai biancocelesti una storica semifinale in Europa League.  “Non abbiamo esultato ma poteva andare peggio”, ha commentato il club manager della Lazio, Angelo Peruzzi, a margine del sorteggio che vedrà Lipsia-Olympique Marsiglia, Arsenal-Cska Mosca, Atletico Madrid-Sporting Clube de Portugal sfidarsi per un posto in semifinale insieme alle aquile. Gli austriaci non vanno sottovalutati, hanno eliminato il Borussia Dortmund, ma tra i nomi degli avverarsi potenziali prima del sorteggio sicuramente non era uno di quelli da evitare a tutti i costi.

PERICOLI AUTRIACI – In porta il Salisburgo schiera il capitano Walke. Davanti a lui i due terzini Lalner e Ulmer,  Caleta-Car e il brasiliano Ramalho la coppia centrale. A centrocampo  Berisha e Sammasekou, mentre sulle fasce c’è a destra Haldara e a sinistra Schlager. Infine coppia d’attacco composta da Hwang, che salterà per squalifica il match di andata, e dall’israeliano Dabbur.

EUROPA LEAGUE – Il percorso degli austriaci inizia ai playoff, vinti contro il Vitorul Costanza, prima di essere inserito nel Gruppo I, vinto dagli stessi davanti a Marsiglia, Konyaspor e Vitoria Guimarães. Poi, agli ottavi, l’impresa: il Salisburgo ha vinto contro il Borussia Dortmund, una delle squadre favorite per la vittoria, passando ai quarti ed eliminando i tedeschi.

CAMPIONATO – Dopo 26 giornate, il Salisburgo è al  comando della Fußball Bundesliga con 59 punti, 8 di vantaggio sullo Sturm Graz. La squadra di Rose ha ottenuto 17 vittorie, 8 pareggi e 1 sola sconfitta, con 54 goal fatti e 19 subiti.

PRECEDENTI CON LE ITALIANE –  Udinese, Milan, Inter, Parma e Juventus le avversarie italiane incrociate dal Salisburgo. Due pareggi, contro i bianconeri di Torino, una vittoria contro quelli di Udine e ben 7 sconfitte con le restanti squadre nostrane.

PRECEDENTI CON LA LAZIO – Due gli incroci contro i biancocelesti. Era il 2009, e i biancocelesti di Ballardini trovarono nel Girone G gli uomini di Stevens: sia all’andata che al ritorno, ad avere la meglio furono gli austriaci, che vinsero 2-1 all’Olimpico e replicarono lo stesso risultato alla RedBull-Arena Salzburg.

Michela Santoboni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here