La nuova LAZIO di PETKOVIC riparte da ZARATE. Con lui EDERSON e BRENO, aspettando YILMAZ

Da stamattina Petkovic è ufficialmente il nuovo allenatore della Lazio. I suoi schemi offensivi calzerebbero perfettamente con le caratteristiche di Maurito…

(getty images)

Chi l’avrebbe mai detto? Forse solo chi conosce bene Lotito poteva immaginare l’epilogo più sorprendente. Vladimir Petkovic, ex allenatore del Sion in Svizzera, è il nuovo tecnico della Lazio e da stamattina è anche ufficiale. Al diavolo dunque tutte le possibili ipotesi che portavano ai nomi di Zola, Di Matteo, Montella, Gasperini, Dunga e Del Neri o a quelli dei grandi ex come Mancini, Simeone, Mihajilovic e Almeyda. Nomi che in queste settimane hanno travolto i giornali, e chi pensava che tra questi ne sarebbe poi uscito uno, è stato puntualmente smentito. Claudio Lotito ha sorpreso tutti, ancora una volta, ha scelto il nome che mai era stato accostato alla Lazio, in gran segreto, come spesso accade, ha scelto Petkovic. E lo ha fatto spiazzando tutti, proprio quando l’attenzione era concentrata intorno all’arresto di Stefano Mauri e alla vicenda calcioscommesse. Mentre ogni occhio volava a quanto stava accadendo a Cremona, Lotito e Tare avviavano i contatti con il croato, per poi in pochi giorni, stabilire l’incontro e firmare il contratto. Il tutto sempre nel massimo riserbo, quasi a volerlo fare apposta, verrebbe da dire.

Il contratto: firmato un paio di giorni fa da Petkovic, in quel di Formello. Due anni la durata, 600 mila euro a stagione lo stipendio che percepirà il mister. Ieri, la lunga giornata romana del croato, che insieme a Tare ha iniziato a pianificare il mercato biancoceleste. Il nuovo allenatore dei capitolini, ha già dato il via libera agli acquisti di Ederson e Breno e molto probabilmente arriverà il suo si anche per un gran ritorno, quello di Mauro Zarate. L’argentino non verrà riscattato dall’Inter e a Roma potrebbe iniziare la sua rinascita. Ora che Reja non c’è più, per Maurito potrebbe aprirsi un nuovo ciclo: ad alimentare queste ipotesi le caratteristiche offensive che predilige Petkovic. Il 3-4-3 è lo schema che più utilizza il croato e Zarate si sposerebbe perfettamente con quel modulo. Come si legge oggi sui giornali, l’argentino partirebbe defilato, per poi accentrarsi ed affondare. Il tecnico stravede poi per Lorik Cana l’abanese che con ogni probabilità, farà coppia in mezzo al campo con Ledesma. Lulic sarebbe l’esterno sinistro di centrocampo mentre a destra si studia una possibile alternativa a Konko. In avanti Hernanes farebbe il trequartista con Klose e Yilmaz come punte.

Yilmaz: il turco del Trabzonspor è conteso da ieri, anche dal Borussia Dortmund. I campioni di Germania vogliono rinforzarsi ancora, anche in vista della prossima Champions e secondo la Build proprio il Borussia sarebbe sul punto di bruciare la concorrenza della Lazio. E così Lotito e Tare studiano la contromossa per accaparrarsi il turco, che però ha parlato con grande entusiasmo del campionato tedesco. E allora i due potrebbero virare in Spagna, sul brasiliano già seguito a Gennaio, Nilmar. L’attaccante, attualmente in forza al Villareal, retrocesso però nella Seconda Divisione spagnola, è uno dei pezzi pregiati che il Sottomarino Giallo sarà costretto a cedere, visto che non accetterà di restare per affrontare la Serie B. La Lazio dunque ne può approfittare, può lanciare la sua offensiva per inserire in rosa quel tassello che manca in avanti. Klose, ha bisogno di un partner all’altezza e se dovessero sfumare Yilmaz e Nilmar si arriverebbe ad una terza ipotesi. Vladimir Petkovic, potrebbe portare con se Emmanuel Mayuka, attaccante che ha giocato per il croato nello Young Boys. Il giocatore viene dallo Zambia, ha 22 anni e andrebbe ad occupare uno dei due posti da extracomunitario, liberato da Ederson che ha ottenuto il passaporto italiano. Il giocatore, con la sua nazionale, ha già vinto la Coppa d’Africa, battendo la Costa d’Avorio di Drogba in finale e vincendo anche il titolo di capocannoniere della competizione a pari merito con altri sei giocatori, con tre reti realizzate. Ha segnato due gol durante la fase a gironi, al Senegal e alla Libia e uno, il più importante, durante le semifinali contro il Ghana eliminato poi dalla competizione.

Le idee ci sono e come detto, ieri sono state buttate giu da Petkovic e Tare; la prossima settimana si inizierà a lavorare concretamente. A cominciare da Martedi, quando a Formello, il nuovo allenatore verrà presentato alla stampa. Poi via con il mercato. Il 9 Luglio, ad Auronzo di Cadore inizia il ritiro biancoceleste. Vladimir Petkovic potrà preparare la squadra per la prossima stagione e inaugurare così la sua nuova avventura. Intanto oggi il mister si può gustare l’ufficialità del suo ingaggio, comparso con un comunicato sul sito ufficiale della società. Per tutto il resto c’è ancora tempo. Petkovic però può già festeggiare.

A.C.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

1 commento

  1. Petkovic? Per me è un genio. È un grande allenatore, uno che sa leggere le partite, gioca all’attacco e che vuole sempre vincere.Nella mia carriera ho visto pochi allenatori preparare le partite come fa lui anzi a volte è fin troppo meticoloso e studia gli avversari da affrontare nei minimi dettagli. È un uomo tutto d’un pezzo che parla in modo chiaro e sa quello che vuole. Dalla sua squadra pretende sempre il massimo e secondo me sa come fare e sa soprattutto come trattare con i giocatori dai quali pretende rispetto e il massimo in allenamento e in partita.SENAD LULIC

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.