Giudice sportivo: 4 giornate a Mexes, niente ricorso del MILAN. Nessuna squalifica per Bergessio

GIUDICE SPORTIVO – È stato diramato poco fa il comunicato del Giudice Sportivo.

AGGIORNAMENTO ORE 16.50 – Dopo la mancata convocazione per la gara di questa sera, il Milan ha deciso di non fare ricorso per le decisioni prese dal giudice sportivo su Mexes. Non è la prima volta che il club rossonero prende questa posizione nei confronti dell’ex romanista; lo scorso anno in occasione di una lite con Chiellini e successiva squalifica fu tenuta una condotta simile.

AGGIORNAMENTO ORE 14.00 – Molte le situazioni che riguardano direttamento o indirettamente la Lazio. Tornando a Lazio-Milan di sabato scorso, dove si è verificato l’inammissibile comportamento di MEXES, c’è da evidenziare la squalifica di 4 giornate per il difensore rosso-nero reo di “avere, al 46° del secondo tempo, a giuoco in svolgimento, afferrato al collo un calciatore avversario trascinandolo al suolo e reiterando, dopo la consequenziale espulsione, tale violenta condotta”. Il francese tornerà a dosposizione di Inzaghi il 28 febbraio.
Un’altra decisione che riguarda da vicino la Lazio è quella relativa all’attaccante della Sampdoria, BERGESSIO. L’argentino rischiava fino a 3 turni di squalifica ma il Giudice Sportivo ha osservato che l’episodio è stato “visto e sanzionato dall’arbitro” quindi non più sindacabile.
Un turno di squalifica è invece quello assegnato a LUCAS BIGLIA e STEFAN RADU per somma di ammonizioni.
Anche la Società è stata punita per alcuni episodi: ammenda di 2.000 € alla la Lazio per “avere suoi sostenitori, nel corso della gara, rivolto ripetutamente all’Arbitro cori insultanti”. Infine il ds TARE è stato ammonito con diffida, più un’ammenda di 5000 €, “per avere, al termine del primo tempo, negli spogliatoi, contestato l’operato arbitrale rivolgendo al Direttore di gara espressioni ingiuriose”.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.