Jugovic: “Ricordo ancora la finale di Coppa Uefa persa con l’Inter. Milinkovic? Ha una tecnica sopraffina”

NOTIZIE LAZIO – Vladimir Jugovic, ex centrocampista laziale, è intervenuto ai microfoni di Radio Olympia per parlare di Lazio e di mercato biancoceleste. Ecco le sue parole: “Penso ancora alla finale di Coppa Uefa persa contro l’Inter. Per me è stato un anno molto importante, stavo bene e ho disputato una buona stagione, mi dispiace non esser rimasto a Roma. La società aveva speso molto eravamo all’inizio di un ciclo importante e vittorioso che si stava per aprire. Siamo riusciti a conquistare una Coppa Italia e quattro derby in una sola stagione pur non avendo la squadra al completo. A Roma non è un risultato banale. Mi manca la vittoria di quella Coppa Uefa, ho vinto la Champions e sarebbe stata la chiusura del cerchio. Purtroppo non eravamo ancora una squadra con la mentalità vincente e forse non abbiamo preparato benissimo la finale di Parigi. Avevamo vinto la Coppa Italia e non abbiamo saputo mantenere la giusta concentrazione fino al termine della stagione. Questo purtroppo è stato spesso il problema a Roma non solo per la Lazio. C’è un giocatore della Serbia under 20 che si è laureata campione del mondo che mi somiglia molta. Non vi dico il nome ma vi assicuro che vincerà almeno una Champions League. Conosco l’interesse della Lazio e della Fiorentina per Milinkovic Savic, lui è una mezz’ala molto strutturato tecnicamente con tecnica sopraffina, ma io credo che in posizione più arretrata possa esprimersi al meglio. Perchè è molto alto, ha una struttura fisica anomale per il prototipo della mezz’ala classica, è bravo tecnicamente e ha un grande tiro. Io lo vedo in posizione più bassa nel centrocampo, non come intermedio di un 4-3-3, meglio regista o al fianco di un compagno davanti la difesa in un 4-2-3-1″.

 

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.