Lazio-Siviglia, Borghi: “Gli spagnoli sono favoriti, ma i biancocelesti…”

LAZIO SIVIGIA BORGHI – Stefano Borghi di DAZN è interveuto ai microfoni del canale ufficiale biancoceleste per parlare della prossima gara di Europa League tra Lazio e Siviglia: ecco le sue dichiarazioni. 

SIVIGLIA – “Rispetto al passato nel Siviglia è cambiata la dinamica del club. Dei giocatori in rosa molto del merito è di Monchi, ha preso e rivenduto tanti giocatori facendo incassare oltre che vincere parecchio. Il Siviglia di oggi è diverso e nelle ultime partite ha accusato qualche difficoltà però non è così distante il quarto di andata di Coppa del Re in cui ha battuto il Barcellona”.

VALORE DEL SIVIGLIA – “Ha un ottimo allenatore, sottovalutato ma che a me piace tantissimo: è umile, viene dal basso, con idee molto chiare e belle da applicare. Il livello qualitativo della rosa è alto, con i vari Vazquez, Banega, Sanabria, Rog e Meza che sono riserve, davanti ci sono André Silva e Ben Yedder ed è stato preso pure Munir. È una squadra che si esalta in contropiede, ha grande verticalità, sa pressare alto, quindi il sorteggio per la Lazio è stato molto duro”.

AMBIENTE – “In questo momento i biancocelesti hanno degli infortunati e una condizione fisica non brillantissima. Sarà difficilissimo passare il turno. Inoltre i Rojiblancos hanno un pubblico trascinante, uno stadio bellissimo e spero che i tifosi della Lazio che andranno a Siviglia potranno godersi l’ambiente. Il momento prima del fischio d’inizio in cui tutto il pubblico canta l’inno, secondo me il più bello d’Europa dopo ‘You’ll never walk alone’ del Liverpool, è un momento di grande emozione”.

SQUADRA FAVORITA – “Parte favorito il Siviglia per la sua storia recente in Europa League e per i valori globali. Però bisognerà vedere come si svilupperà la partita d’andata e che tipo di dettaglia verranno fuori. La Lazio quest’anno può pensare di non partire battuta contro nessuno, però per passare deve giocare due grandissime partite”.

IMMOBILE O BEN YEDDER – “Immobile è perfetto per il campionato italiano. Ha una grande capacità di aiutare la squadra, di buttarsi negli spazi, di proporsi e di adattarsi con qualsiasi tipo di partner offensivo. Ben Yedder invece è un cecchino che ha segnato sia in Francia che in Spagna. Sa impattare anche impattare sulla partita. La coppia con André Silva è stata ben costruita e i messaggi che sta mandando il portoghese sono quelli di un calciatore che avrebbe meritato più considerazione in Italia”.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.