Le pagelle di Lazio-Fiorentina: Keita brilla, Felipe Anderson non balla

Pubblicato il 18/12

LE PAGELLE di LAZIO-FIORENTINA

Marchetti 7 – Inoperoso nel primo tempo. Ad inizio ripresa para il rigore ad Ilicic e salva il risultato. Stessa cosa poi sul tiro insidioso di Bernardeschi. Ma nel finale esce a vuoto e rischia di combinarla grossa: per fortuna Sanchez la mette in porta con le mani e l’arbitro se ne accorge;

Bastos 6,5 – Torna titolare dopo quasi tre mesi, dalla sfortunata trasferta di Milano. Si intende benissimo con De Vrij. Preciso e puntuale negli interventi. Non è ancora al top della forma;

De Vrij 7 – Il muro olandese si conferma tale. Non sbaglia niente e fa sembrare Kalinic un attaccante di terza categoria. Per fortuna il croato affronta l’ex Feyeenord solo due volte all’anno;

Radu 7 – Inizia come terzo centrale, finisce da esterno a sinistra nel 3-5-2 biancoceleste. Importante nello spogliatoio, oggi è stato decisivo in campo con il suo secondo gol stagionale;

Felipe Anderson 6 – Non é lo stesso di Genova. Gioca su ritmi bassi e non incide sull’andamento della gara. Rispetto alle ultime uscite, però, gioca in una posizione più arretrata: in alcune azioni lo si vede fare anche il terzino. È da lodare per questo;
dal 32’st Wallace s.v

Cataldi 6.5 – Dimostra ancora una volta che i panni dell’intermedio gli calzano a pennello. Si abbassa a costruire la manovra quando Biglia è pressato, si alza con il tempo giusto per dare più soluzioni alla manovra offensiva capitolina. Delizioso il suo velo in occasione del vantaggio di Keita;
Dall’ 39’st Murgia s.v

Biglia 6,5 – Si piazza davanti alla difesa e non si fa prendere alle spalle dai trequartisti viola. Recupera tanti palloni e li gestisce con autorità. Freddo nel segnare il rigore. Cala nella ripresa. Prima fa il fallo per il penalty di Ilicic e poi non è abile nell’evitare il 2-1 di Zarate. Dà segnali di crescita;

Milinkovic-Savic 6,5 – Meno brillante del solito, ma sempre maledettamente importante per i meccanismi della creatura di Inzaghi. Attaccante aggiunto e difensore in fase di transizione. Lucido nell’assist a Keita;

Lulic 6,5 – Grazie a lui Inzaghi può cambiare modulo e assetto. Inizia a sinistra, finisce a destra. Sempre con la stessa intensità e voglia. Corre fino al 90′ e continente sempre alla grande Tello;

Immobile 6,5 – Gli manca il gol. Si vede. Ancora una volta, la sesta consecutiva, chiude i 90′ senza finire sul tabellino dei marcatori. Poco importa. Suda ed Esulta con i compagni e serve l’assist a Radu. Gli individualismi li lasciamo alle altre squadre;

Keita 7,5 – Il più vivace. Sblocca il match, che con il passare dei minuti sarebbe potuto diventare complicato. Si intende a meraviglia con Immobile. I difensore viola non lo prendono mai: sta imparando anche ad attaccare la profondità;
Dal 23’st Kishna 6 – Dà una mano alla squadra. Prova a sfruttare al meglio i pochi minuti che Inzaghi gli concede;

All.: S.Inzaghi 7 – Fa un po’ di turn over. Cambia modulo rispetto alle ultime gare. Dimostra di conoscere bene i suoi ragazzi, che non lo deludono mai. Chiunque entra fa il suo, tutti per un unico obiettivo;

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.