Mancini: “La Lazio si è difesa bene, è una grande squadra e lotterà per la Champions”

INTERVISTE LAZIO-INTER – Il tecnico nerazzurro ha analizzato la vittoria dei nerazzurri in casa della Lazio con il risultato di 2-1. 

MANCINI A INTER CHANNEL

“Se sbagliamo quando attacchiamo ci sta prendere gol, questo è il calcio. La squadra, comunque, mi è piaciuta e sono soddisfatto. La Lazio è in forma, sono soddisfatto perché la partita è stata bella, noi giocavamo molto alti ed è andata bene. Abbiamo avuto tante occasioni, se non concretizzi poi non è semplici. L’Europa League? Dobbiamo fare più punti possibile, contro la Juventus sarà una grande partita. Vedremo. Mancherà Hernanes, ma riuscirò a trovarne 11 per giocare (ride, ndr)”.

MANCINI A SKY SPORT

Purtroppo abbiamo sbagliato tante occasioni, poi quando una squadra rimane in 9 e si difende così bene, devi avere pazienza. Abbiamo sbagliato anche un rigore, però l’importante era vincere. Bisognava aspettare il momento giusto per colpire. Lo abbiamo fatto bene, meglio che a Udine. Però la Lazio è un’ottima squadra e non era facile quando si difendevano. La partita era molto bella, giocavamo contro una Lazio che ha obiettivi importanti. Quando Mauri veniva dietro a prendere la palla, Medel non l’ha pressato subito. E’ stata una grande partita, giocata bene da entrambe le squadre. Icardi? Sta migliorando, è giovane. A volte fa delle buone partite, a volte no. Oggi poteva segnare tre gol, però non ha segnato. Capita. Ha comunque fatto un’ottima partita. Oggi la Lazio è venuta a pressare molto alta, poi in 9 si sono difesi molto bene. Era difficile trovare gli spazi, oggi la squadra ha fatto bene, ma dobbiamo migliorare”.

MANCINI IN CONFERENZA STAMPA 

“Se mi dispiace per lo ‘scherzetto’ alla Lazio? Sì, ma cosa potevo fare? Non siamo certo venuti qui in vacanza. Undici contro undici è stata una partita aperta, siamo contenti per com’è finita. Discutere dell’arbitro è riduttivo nei confronti del valore delle due squadre. Giocare undici contro nove, con gli avversari che si mettono tutti negli ultimi 30 metri, non è così facile. Poi diventa fondamentale avere giocatori che si prendono la responsabilità di tentare il dribbling o la giocata. Per la Champions sarà una lotta a tre tra Lazio, Roma e Napoli. Mi aspettavo una Lazio forte, così è stato”.

MANCINI A RAI SPORT

“La Lazio è una grande squadra, anche in 9 si è difesa bene. Non è facile trovare gli spazi giusti negli ultimi 30-40 metri. Bisognava aver pazienza, ma siamo stati bravi. In Italia tutte le squadre difendono bene, la Lazio ha arretrato il baricentro. Diventa difficile per tutti, poi. Non era facile verticalizzare: avevamo Hernanes dietro Icardi. In questi casi bisognerebbe avere attaccanti che prendano responsabilità nell’andare uno contro uno, come hanno fatto Podolski, Kovacic e Palacio. Ho sostituito D’Ambrosio perché era ammonito. Avevamo bisogno di spinta, di un giocatore come Nagatomo che potesse tenere a bada Anderson e potesse far fallo se necessario”.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.