Mandorlini: “In emergenza, ma senza piangerci addosso. La Lazio? Davanti fa paura…”

NOTIZIE LAZIO – Andrea Mandorlini, allenatore dell’Hellas Verona, ha parlato nella conferenza stampa della vigilia del match contro la Lazio. “Siamo in emergenza – ha detto il mister – non so se definirlo un momento difficile, ma è inutile in questo istante piangersi addosso e pensare alle assenze. C’è una partita da dover giocare e non esistono altri discorsi se non quello di dover fare punti”

EMERGENZA SCALIGERA – Tante assenze importanti, su tutti Toni e Pazzini, ma i veronesi non si danno per vinti: “Abbiamo un jolly come Juanito Gomez che può giostrarsi anche da prima punta, Jankovic è rientrato dalla squalifica e questo è importante, inoltre in passato, negli allievi della Stella Rossa, ha giocato anche da prima punta, ma è passato un bel po’ di tempo. Non pensiamo alle bende e ai cerotti che abbiamo: c’è una partita da giocare. Sala esterno d’attacco? Può giocare in tanti ruoli ed in passato l’ha sempre fatto. Viviani? In questo momento non possiamo permetterci di far rifiatare nessuno. Sta facendo bene e domani giocherà””.

SULLA LAZIO – Infine parole anche sulla squadra di Pioli: “Sarà importante l’atteggiamento, dobbiamo ripetere la prestazione fatta contro l’Inter dove la nostra difesa si è comportata molto bene. E’ un assetto che potrei riproporre, la Lazio è molto forte sopratutto davanti, ma a prescindere dai moduli conta lo spirito con cui si scende in campo per affrontare il match. È una squadra che può vincere con tutti ma allo stesso tempo può lasciare diversi spazi: vogliamo fare la nostra partita. Hallfredsson ha recuperato, adesso sta bene, deciderò domani se fargli fare uno spezzone di partita, così come Matuzalem che potrà darci una mano. C’è bisogno di tutti, tutti devono essere disposti al sacrificio”

Giorgio Marota
@GiorgioMarota

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.