Novaretti amaro: “Non potevo più sopportare la vita alla Lazio, non ho mai avuto affetto”

NOTIZIE LAZIO – “Ho sentito il bisogno di un cambiamento per me e per la mia famiglia. Per fortuna è arrivata questa occasione perché non potevo più sopportare quella vita, con una situazione anche professionale non ottimale. Non so se avevo bisogno del Leon in particolare, ma sicuramente dell’affetto di un popolo, cosa mai vista per due anni”Ha detto addio alla Lazio da qualche settimana, ma Diego Novaretti non dimentica l’esperienza biancoceleste, forse la più difficile della sua carriera. Svincolatosi dalla Lazio, il difensore argentino ha salutato la capitale per tornare in Messico, ma parlando alla stampa locale non ha risparmiato dei ricordi amari. “Penso che le cose accadano per un motivo. Se in un momento non sono dove vorrei essere è perché in quel momento non ci sono le condizioni. Ho sempre pensato che le cose che desideri sono quelle che in quel momento ti servono. Ho rubato a un mio compagno di classe una frase che ho fatto mia per tutta la vita, ‘Dio vi dà quello che vi serve, non quello che volete’”.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.