ONAZI giura: “Mi sento biancoceleste, voglio ricambiare la fiducia. L’obiettivo è la Champions”

NOTIZIE SS LAZIO – Periodo complicato per Eddy ONAZI, che con la sua Nigeria non è riuscito a staccare il pass per la prossima Coppa d’Africa e in più è stato costretto a rispondere alle illazioni sul suo rapporto conflittuale con Obi Mikel. Il centrocampista biancoceleste ha rilasciato una lunga intervista al portale completesportsnigeria.com: ecco le sue dichiarazioni.

Qual è il tuo stato d’animo dopo l’eliminazione?

Fa male uscire così. Non riesco a trovare le parole per descrivere tutto questo, mi sembra un incubo. Abbiamo dato tutto per provare a difendere il trofeo. Il pareggio con il Sudafrica è stato scioccante, non ho dormito tutta la notte, non riuscivo a rendermene conto. Continuavo a chiedermi dove abbiamo sbagliato. Ci vorrà del tempo per mandar giù quest’amarezza.

Cosa è andato storto quella sera?

Questa è la domanda che ci continuiamo a porre. Dopo aver battuto il Congo ci aspettavamo tutt’altro. I miei compagni hanno dato tutto e gli attaccanti hanno fatto del loro meglio, ma non siamo riusciti a raggiungere i nostri obiettivi.

Qual era il vostro piano?

Abbiamo giocato per vincere, questo è tutto. Non c’era nessun piano B. Avevamo programmato tutto per il meglio, ma le cose sono andate nella direzione opposta. E’ stata una notte che non voglio ricordare, triste per me e per i miei compagni. Devo confessare che per questa qualificazione abbiamo passato un anno difficile, gli insegnamenti sono stati tanti però. La gente dice che abbiamo sottovalutato i sudafricani, ma questo non è vero. Abbiamo giocato per vincere quel giorno, ma le cose non sono andate come previsto”.

Qual è il rammarico più grande?

Onestamente è difficile credere che non avremmo partecipato al torneo. Stavo già pensando di andare lì con una grande esperienza, soprattutto dopo la Coppa del Mondo. So di avere ancora tanti anni per giocare con la Nigeria, devo solo continuare a lavorare sodo e sperare di fare sempre meglio. Ci tengo a ringraziare il  Signore e tutti i nigeriani che ci hanno sostenuto. Dio li benedica tutti.

Si vociferava di una possibile forma di sabotaggio per questa mancata qualificazione.

Niente affatto! Tutti noi amiamo questo paese e non faremmo mai una cosa del genere. Volevamo qualificarci, è stata dura, non ce l’abbiamo fatta.

Da dove ripartirete?

Dobbiamo solo andare avanti e dimenticare questa delusione. Dobbiamo lasciare il passato alle spalle e guardare avanti per un futuro più luminoso. So che la Nigeria è un paese benedetto, io sono ottimista per il nostro calcio. La mia visione è quella di rendere grazie a tutto quello che è successo. Voglio continuare ad aiutare la Lazio per ottenere ottimi risultati in Serie A. La Nazionale è la mia vita e sarò sempre fedele al mio paese, anche quando le cose non andranno per il meglio. Le Super Eagles torneranno più forti. Il calcio è fatto così.

Quali sono i tuoi obiettivi con la Lazio?

La mia attenzione ora è rivolta solo lì. Io continuerò a lavorare sodo, voglio aiutare la mia squadra a qualificarsi per la Champions League; questa è la mia priorità. Sono felice qui, i miei compagni di squadra hanno mostrato la determinazione giusta in campo e spero che raggiungeremo il nostro obiettivo a fine della stagione.

Cosa pensi riguardo a un tuo possibile trasferimento in estate?

Penso che sia un po’ troppo presto per cominciare a pensare al futuro. Ho appena firmato un nuovo contratto con la Lazio e io mi sento biancoceleste a tutti gli effetti. Il mio obiettivo è quello di lavorare per il successo della squadra. Hanno dimostrato la loro fiducia in me, voglio ricambiare questa fiducia dando il meglio. La Lazio è una grande squadra, possiamo arrivare in alto.

Come giudichi questo tuo anno?

E ‘stato fondamentale per me. Devo solo ringraziare Dio per tutto. Mi sarebbe piaciuto vedere il mio paese qualificarsi in Coppa D’Africa, ma tutto questo appartiene al passato ora.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.